Faiano. Biancoverdi cadono allo “Sporting Club”, vince il Nola

NOLA (Na). Allo Sporting Club di Nola scendono in campo la formazione locale di mister Liquidato e il Faiano di mister Turco. I bianconeri scendono in campo con Avino tra i pali, in difesa Schioppa-Alfieri-Falivene-Gioventù, a centrocampo Magaddino-Falanga-Alfieri-Sacco, coppia d’attacco Marotta-Zaccaro. Dall’altra parte biancoverdi disposti con un 4-3-1-2 con Senatore in porta, difesa composta da Ruggiero, Di Donna, Ietto e Martinangelo; centrocampo con Erra, Grieco e Di Somma, Anastasio dietro alle punte Pellegrino e Castagna.

Pronti via e il Faiano va vicinissimo al gol. Anastasio dal versante destro la mette bassa al centro per Erra, che va al tiro verso lo specchio, palla respinta in angolo dalla difesa nolana. Al 5’ azione confusionaria in area Faiano, il pallone danza nell’area piccola e Senatore risolve respingendo la sfera. Dopo cinque minuti Ietto non controlla la sfera sulla trequarti e Zaccaro come un fulmine s’avventa sul pallone, entra in area e a tu per tu con Senatore deposita in rete il vantaggio bianconero. Al 15’ cross di Gioventù dalla destra, la palla filtra in area, deviazione volante di Zaccaro sul secondo palo che termina abbondantemente fuori. Al 17’ ancora Zaccaro pericoloso, entra in area e fa partire il diagonale che si spegne sulla parte esterna della rete. Al 19’ biancoverdi pericolosi con un’incursione di Pellegrino, diagonale dal limite che esce sul secondo palo. Al 27’ Anastasio conquista palla a centrocampo, apre per Castagna sulla sinistra che avanza e prova il tiro dal limite, il portiere blocca senza problemi. Nel recupero del primo tempo Diop di Caserta assegna un calcio di rigore per un fallo di Falivene su Pellegrino. Sulla palla si porta l’attaccante salernitano che calcia alla sua sinistra e Avino in tuffo indovina l’angolo, bloccando la sfera in due tempi.

In apertura di secondo tempo il Nola trova il raddoppio: Falanga batte corto su punizione dalla destra, riceve Sacco in area che si gira e con un diagonale batte Senatore sul secondo palo. All’8’ va al tiro Marotta dall’interno dell’area, Di Donna salva a pochi passi dalla linea. Alla mezz’ora di gioco Di Donna è costretto ad abbandonare il terreno di gioco per infortunio. Mister Turco inserisce il giovane difensore 2000 Ceresoli al posto del parietà Di Somma e Maisto al posto del claudicante Di Donna, con il classe ’99 che si va a posizionare a centrocampo. Al 39’ cross velenoso di Ruggiero dalla destra, Avino in uscita blocca anticipando Pellegrino al centro. Al 43’ Diop assegna il secondo penalty ai biancoverdi per uno scontro aereo tra Anastasio (costretto ad uscire) e Lenci. Pellegrino questa volta non sbaglia, tiro centrale a mezza altezza che s’insacca alle spalle di Avino. Dopo sei minuti di recupero l’arbitro casertano fischia la fine delle ostilità, spedendo tutti sotto la doccia.

Il Faiano di mister Turco dimostra ancora una volta di soffrire la lontananza da casa, raccogliendo la quarta sconfitta su quattro trasferte e pagando un primo tempo incolore. Il Nola dal canto suo ha interpretato molto bene i primi quarantacinque minuti, trovando in Zaccaro la sua arma letale. Nella ripresa l’undici di Liquidato è calato vistosamente tendendo semplicemente a controllare la partita, con i biancoverdi che non hanno avuto la necessaria lucidità negli ultimi venticinque metri per provare a mettere paura alla retroguardia nolana. FONTE SPORT CAMPANIA