Nola, si è tenuto ieri il seminario sul reddito di inclusione, ma ancora regna la confusione.

Nola, Ieri Giovedì 8 febbraio 2018 –

Si è tenuto un seminario sul reddito di inclusione rivolto alle famiglie in difficoltà e di cui l’Inps – filiale metropolitana di Nola  ed i comuni del comprensorio sono i principali interlocutori. L’incontro si doveva tenere alle 9,30 nella chiesa dei Santi Apostoli di Nola, ma è iniziato oltre le ore 10:00 per problemi logistici sull’arrivo dei responsabili INPS di Napoli, nell’attesa al point break sono stati serviti caffè e colazioni ed il dibattito, molto sentito si è protratto oltre le 12:00. Si è parlato anche delle nuove assunzioni per gli addetti al sociale che dovranno essere fatte per non perdere l’occasione dei mezzi e fondi stanziati, dice la relatrice giustamente, la Campania non può permettersi di perderli come in passato, ma sù molti punti come compilazione e adesione questa volta primeggiamo.Abbiamo notato grande professionalità di tutti gli enti intervenuti e la sempre adeguata e composta Autilia Napolitano che si è anche impegnata nella buona riuscita del dibattito, ma segnaliamo un unica pecca organizzativa, ci sono stati problemi con i microfoni wireless probabilmente scarichi.

A rendere possibile l’evento formativo, insieme all’Inps di Nola ed all’ente di piazza Duomo, la fondazione Hyria Novla, media sponsor del seminario in collaborazione con l’Aiga di Nola e l’Unione dei giovani commercialisti ed esperti contabili di Nola. Il reddito di inclusione sociale è il nuovo sussidio economico introdotto nel panorama legislativo italiano con l’approvazione della legge delega contro la povertà, avvenuta il 9 marzo 2017. E’ stato definitivamente approvato con decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017. Dal primo dicembre 2017 è stato possibile per tutti i cittadini richiedere il contributo compilando l’apposita domanda. Le istanze sono state molte e dovranno essere gestite direttamente dagli enti locali. Da pochi giorni, e precisamente dal 27 gennaio, sono incominciati i primi pagamenti.

Al seminario, dopo i saluti del presidente della fondazione Hyria Novla, Felice Scotti, del sindaco di Nola, Geremia Biancardi, del presidente Aiga di Nola Giuseppina Lanzaro e del presidente dell’Unione dei giovani commercialisti e contabili di Nola, Raffaele Alfieri, sono intervenuti l’assessore alle politiche sociali, Lucianna Napolitano Bruscino, il direttore dell’Inps – filiale metropolitana di Nola Furio Vai ed il direttore del Coordinamento Metropolitano INPS di Napoli, Roberto Bafundi. A presentare ed illustrare tutti i dettagli del REI ci sono stati, invece, Giovanni Pezzullo e Rosa Valenti,  referenti del reddito di inclusione, direzione di coordinamento metropolitano Inps di Napoli.

Una tematica di grande attualità che necessita di una adeguata informazione – spiega l’avvocato Felice Scotti, presidente della fondazione Hyria Novla – Non a caso l’ente che rappresento, nel pieno spirito dei suoi scopi prevede anche iniziative di supporto alle istituzioni ed alle associazioni su argomenti di interesse sociale e culturale. L’incontro di oggi è stato solo il primo di una serie di eventi che intendiamo portare avanti nel corso dell’intero 2018 per mettere al centro il territorio dell’area nolana”.

Tirando le somme si è svelato ancora una grandissima confusione sull’argomento anche da parte degli operatori che dovranno seguire gli atti burocratici e quindi figuriamoci i cittadini quanto navighino in alto mare.

Massimiliano Napolitano