Questo serve per far capire ai tanti,filosofi megalomani nolani che grazie a qualche pezzo di carta ,presa nei tempi di mala politica Italiana sono patreterni ecco una rubrica aperta a tutti di raccolta proverbi,aforismi,detti e modi di dire in lingua antica napoletana (vernacolo)

Secondo me si stanno perdendo moltissimi logismi dialettali di Napoli infettati da influenze straniere. e ANCHE ITALIANI INGNORANTI E CRITICATORI leggo spesso sul web che alcuni criticano quello che avvolte scappa con la teccnologia nuova e facile sbagliare schiacciando i bottoni.io parlondo con un grande filosofo nolano e non faccio nome ,ed un professre anche presentatore sapete cosa mi dissero ma come fai a fare tutte queste cose usando come un ragazzo noi sriviamo ancora e solo con la penna e non parliamo del dialetto che al di fuori di qualcuno morto e qualcuno rimasto il resto lo parlano e lo scrivano alla nolana, e quando ve lo dice un uomo della mia eta’ mettitece a firma e se dico bugie venite ci possiamo divertircci da vicini  , Quindi credo sia utile raccogliere da tutti le conoscenze che si hanno da napoletani e non dei detti,proverbi,aforismi ecc. per creare poi una antologia di tutto questo patrimonio culturale locale e nazionale che fa parte della ricchezza dialettale della nostra Italia,molti di questi proverbi sono conosciuti ancora oggi a memoria. ad esempio:

IL GRANDE MARIO MEROLA LA SCENEGGIAVA,QUESTA CANZONE

1)” E’ FIGLI SO’ PIEZZE E CORE,MA E NEPUTI FANNO O’ CORE A PIEZZE” e via di seguito,e non credo che questo proverbio abbia bisogno di traduzione.Chiunque è invitato ad aggiungere tutto ciò che è a conoscenza.grazie.

2)-DICETTE O’ PAPPICE ALLA NOCE ” DAMME O’ TIEMP’ CA TI SPERTOSO” disse il tarlo alla noce,dammi il tempo che ti buco!

3)-O’ CIUCCIO E’ FICHELLA TENE 49 CHIAIE E ‘A CORA FRACETA- L’asino di Fichella tiene 49 malattie e la coda marcia.

4)-A CASA DO’ PUVERIELLO NON MANCANO MAI  E TUZZULELLE- A casa del povero non manca mai pane e companatico.

5)-CHIACCHIERE E’ TABACCHERE E LEGNO O’ BANCO E NAPULE NON L’IMPEGNA- cioè cose futili che non rendono nulla.

6)-PRATICANNO O’ ZUOPPO S’IMPARA A ZUPPICA’ cioè frequentando spesso qualcuno si impara ad imitarlo.

7)-SI AUCIELLO CONOSCESSE O’ GRANO…… vuol  significare che spesso gli uomini non riconoscono le virtù.

i seguenti inviati dall’amico FAVA,bellissimi

8)-OGNI SCARRAFONE E’ BELLO A MAMMA SOIA!  come la nota canzone di Pino Daniele. ogni figlio agli occhi di sua madre appare bello.

9) -A BUSCIA TIENE E’ PIERE…. cioè una bugia ha i piedi,nel senso metaforico che prima o poi viene fuori la verità-FIDATE D’O

10)-SIGNORE ‘MPUVERITO MO NUN TE FIDA’ D’O PEZZENTE SAGLIUTO, fidati del signore anche decaduto,ma non ti fidare del pezzente arricchitosi. E qui possiamo dire che a Nola e sti muorte e’ famm’ cene stann’ tante —-

11)-L’AVARO E’ COMME O’ PUORCO E’ BUONO SULO DOPO MUORTO ,cioè l’avaro come il maiale diventa buono dopo la morte.

12)IN OMAGGIO AL GRANDE TOTO’  NON SI PUO’ NON CITARE  LA SUA INCOMMENSURABILE

” A LIVELLA” scritta in vernacolo napoletano

Ogni anno il 2 novembre c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!” e con queta poesia chiudiamo. e ce verimm’ dimane ,TONY 0′ MERICANO