Roma ieri si è parlato di pensioni più lontane a 67anni dal 2019

In Italia si vive male, forse. Ma si vive a lungo. Troppo per le casse dello Stato che non sono in grado di sostenere per lungo tempo l’esborso per le pensioni. Così inutile sperare in un ripensamento del governo per rinviare lo scatto dell’uscita dal lavoro che secondo la legge Fornero passerà, nel 2019, dagli attuali 66 anni e 7 mesi a 67. Si tratta di cinque mesi in più legati all’aspettativa di vita che, secondo i dati ufficiali dell’Istat, si è allungata di 150 giorni rispetto al 2013. Non solo. A cambiare sarà anche la soglia per la pensione di anzianità, oggi definita impropriamente anticipata. Già perché per andare in pensione in anticipo rispetto all’età di vecchiaia sempre dal 2019 saranno necessari 43 anni e tre mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi per le donne. Al momento per l’uscita anticipata verso la pensione ci vogliono 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne.