Quotidiano di informazione campano

“Ercolano…verso rifiuti zero?Incontro con Paul Connett e Franco Matrone

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Paul Connett (20 ottobre 1940) è uno scienziato statunitense. Professore di chimica e tossicologia (St. Lawrence University) ed un attivista ambientale tra i fondatori della strategia Rifiuti Zero. Laureato alla Cambridge University, ha conseguito un Ph.D. presso il Dartmouth College e iscritto alla facoltà di San Lorenzo nel 1983, si è impegnato sulle indagini scientifiche contro la pratica della fluorizzazione dellacqua. Connett si è opposto allincenerimento come metodo di gestione dei rifiuti solidi urbani, basandosi sullanalisi chimica dei sottoprodotti del processo: la sua attività di attivista lo ha condotto a fare oltre 1700 presentazioni pubbliche in 49 degli Stati Uniti, cinque province canadesi e 44 in altri paesi del mondo tenuto. Sul tema ha scritto molti articoli sulla diossina. In Italia è presidente del comitato scientifico della commissione Rifiuti Zero di Capannori, primo comune in Italia ad adottare tale strategia di gestione del servizio.Il Forum dei Giovani di Ercolano, nellambito del PTG (Piano Territoriale Giovanile), ha deciso di organizzare un incontro formativo al fine di promuovere ladesione del nostro Comune alla Strategia Rifiuti Zero che consentirebbe di realizzare un cambiamento più incisivo e globale delle pratiche ambientali in uso nella nostra comunità, ed associare il nostro impegno a quanto già posto in essere da diversi comuni vesuviani, limitrofi (Portici, Torre del Greco, San Sebastiano) o poco distanti (Somma Vesuviana, Trecase, Boscoreale, Boscotrecase).Lincontro vedrà lintervento di:
-Dott. Paul Connett
Professore emerito di Chimica Generale, Chimica dellAmbiente e Tossicologia allUniversità St. Laurence University di New York. Ideatore della Strategia Rifiuti Zero;
– Dott. Franco Matrone
Medico e Portavoce della Rete dei Comitati Vesuviani. Referente Rifiuti Zero Campania.
Lincontro sarà moderato da Francesco Catalano, giornalista de Il Mattino.Lappuntamento è Sabato 22 settembre 2012 alle ore 18, presso la sede del Forum dei Giovani sita nel Palazzo Borsellino in via Marconi 39.Che cosè Rifiuti Zero?Rifiuti Zero è una strategia che si propone di riprogettare la vita ciclica delle risorse in modo tale da riutilizzare tutti i prodotti, facendo tendere la quantità di rifiuti da conferire in discarica allo zero, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente un processo di incenerimento o discarica. Il processo assomiglia al riutilizzo delle risorse fatto dalla natura.
Tra i suoi maggior teorizzatori vi è il prof. Paul Connett, docente della St. Lawrence University.
ale strategia viene sintetizzata in 10 passi
1.separazione alla fonte: organizzare la raccolta differenziata. La gestione dei rifiuti non e un problema tecnologico, ma organizzativo, dove il valore aggiunto non e quindi la tecnologia, ma il coinvolgimento della comunità chiamata a collaborare in un passaggio chiave per attuare la sostenibilità ambientale.
2.raccolta porta a porta: organizzare una raccolta differenziata porta a porta, che appare lunico sistema efficace di RD in grado di raggiungere in poco tempo e su larga scala quote percentuali superiori al 70%. Quattro contenitori per organico, carta, multi materiale e residuo, il cui ritiro e previsto secondo un calendario settimanale prestabilito.
3.compostaggio: realizzazione di un impianto di compostaggio da prevedere prevalentemente in aree rurali e quindi vicine ai luoghi di utilizzo da parte degli agricoltori.
4.riciclaggio: realizzazione di piattaforme impiantistiche per il riciclaggio e il recupero dei materiali, finalizzato al reinserimento nella filiera produttiva.
5.riduzione dei rifiuti: diffusione del compostaggio domestico, sostituzione delle stoviglie e bottiglie in plastica, utilizzo dellacqua del rubinetto (più sana e controllata di quella in bottiglia), utilizzo dei pannolini lavabili, acquisto alla spina di latte, bevande, detergenti, prodotti alimentari, sostituzione degli shoppers in plastica con sporte riutilizzabili.
6.riuso e riparazione: realizzazione di centri per la riparazione, il riuso e la decostruzione degli edifici, in cui beni durevoli, mobili, vestiti, infissi, sanitari, elettrodomestici, vengono riparati, riutilizzati e venduti. Questa tipologia di materiali, che costituisce circa il 3% del totale degli scarti, riveste però un grande valore economico, che può arricchire le imprese locali, con unottima resa occupazionale dimostrata da molte esperienze in Nord America e in Australia.
7. tariffazione puntuale: introduzione di sistemi di tariffazione che facciano pagare le utenze sulla base della produzione effettiva di rifiuti non riciclabili da raccogliere. Questo meccanismo premia il comportamento virtuoso dei cittadini e li incoraggia ad acquisti piu consapevoli.
8. recupero dei rifiuti: realizzazione di un impianto di recupero e selezione dei rifiuti, in modo da recuperare altri materiali riciclabili sfuggiti alla RD, impedire che rifiuti tossici possano essere inviati nella discarica pubblica transitoria e stabilizzare la frazione organica residua.
9. centro di ricerca e riprogettazione: chiusura del ciclo e analisi del residuo a valle di RD, recupero, riutilizzo, riparazione, riciclaggio, finalizzata alla riprogettazione industriale degli oggetti non riciclabili, e alla fornitura di un feedback alle imprese (realizzando la Responsabilità Estesa del Produttore) e alla promozione di buone pratiche di acquisto, produzione e consumo.
10. azzeramento rifiuti: raggiungimento entro il 2020 dell azzeramento dei rifiuti, ricordando che la strategia Rifiuti Zero si situa oltre il riciclaggio. In questo modo Rifiuti Zero, innescato dal trampolino del porta a porta, diviene a sua volta trampolino per un vasto percorso di sostenibilità, che in modo concreto ci permette di mettere a segno scelte a difesa del pianeta.<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.