Quotidiano di informazione campano

“Marea Nera”: l’inchiesta sul percolato campano trasferita a Roma

0

Smaltimento del percolato prodotto dai Cdr campani: l’inchiesta si sposta a Roma. Nel procedimento, che vede imputato tra gli altri l’ex prefetto di Napoli ed attuale capo della polizia Alessandro Pansa, segue quindi l’altro filone (chiamato Rompiballe) quello sui presunti illeciti nella gestione delle discariche già trasferito nella Capitale negli anni scorsi.

A deciderlo è stato oggi il gup Carlo Alessandro Modestino, che ha accolto un’istanza di incompetenza funzionale avanzata dagli avvocati del collegio difensivo. Pansa è coinvolto in quanto ex commissario straordinario all’emergenza rifiuti in Campania: secondo l’accusa, il percolato finiva direttamente in mare, dato che i depuratori nei quali veniva versato non funzionavano.

I pm partenopei avevano chiesto il rinvio a giudizio di 39 persone e dieci società. Tra i 39, anche Guido Bertolaso e l’allora suo braccio destro Marta Di Gennaro, l’ex direttore generale del ministero dell’Ambiente Gianfranco Mascazzini, l’ex presidente della Campania Antonio Bassolino. Per 30 di queste, tra cui Bassolino e un altro ex commissario governativo, Corrado Catenacci, le accuse erano di associazione a delinquere e traffico di rifiuti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.