Quotidiano di informazione campano

✭✭ INCENDIO FABBRICA POLVICA. RISCHIO INQUINAMENTO AMBIENTALE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO PER RADIO PIAZZA NEWS

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

L’enorme incendio divampato ieri nella zona ASI in località Polvica di Nola, è ancora in corso. A bruciare è la fabbrica tessile Annunziata. La struttura, in fumo da più di 24 ore, è ormai quasi completamente distrutta.

Sul posto ancora sono presenti diverse squadre di Vigili del Fuoco che per ora non riescono a domare del tutto le fiamme. L’unica nota positiva, l’assenza di feriti tra i dipendenti dell’azienda.

L’incendio ha generato un’enorme nube tossica nera visibile anche a 10 kilometri di distanza che ricade, a seconda dei venti, verso Nola, Cimitile, Camposano, Cicciano, Polvica e Cancello. A bruciare ingenti quantità di tessuto, plastiche e diverse sostanze chimiche ancora non classificate.

L’aria nella zona a ridosso della zona ASI è irrespirabile, anche con maschere anti-gas pizzica fortemente in gola. Consigliamo, in via precauzionale, agli abitanti di Polvica di esporsi il meno possibile e limitare quanto meglio la contaminazione chiudendo balconi e finestre delle proprie abitazioni fino a quando le operazioni di spegnimento non saranno del tutto completate.

Inoltre, se ci fossero persone che presentano due o più dei seguenti sintomi d’intossicazione:

1 – Tosse;

2 – Mal di Gola;

3 – Mal di Testa;

4 – Nausea;

5 – Vomito;

suggeriamo loro di recarsi presso un presidio ospedaliero o guardia medica della zona per una visita di controllo e chiedere un referto scritto.

È inoltre consigliabile sciacquare accuratamente per almeno un mese, possibilmente con amuchina, frutta e verdura coltivata in zona che potrebbe essere contaminata. Sarebbe altresì d’uopo che le autorità competenti si impegnino nel rilevamento degli inquinanti immessi in atmosfera e di quelli coinvolti nella ricaduta al suolo dei residui della nube visto che il territorio circostante la zona ASI di Nola è una zona a forte vocazione agricola.

A preoccupare di più, oggi e nei prossimi giorni, sarà proprio la qualità dell’aria nei centri abitati coinvolti dalla ricaduta al suolo dei residui della nube. Sperando che questa volta l’Arpac e le istituzioni locali non si muovano con la stessa leggerezza dimostrata l’anno scorso con il caso Cereria.

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.