Quotidiano di informazione campano

30 novembre 2014 – Saviano in piazza!

0

Ebbene, il panettone l’abbiamo mangiato, “Tu scendi dalle stelle” l’abbiamo cantata e il bambinello nel presepe lo abbiamo messo. Ora però le feste sono finite e – non volendo traumatizzare coloro che credono in Babbo Natale  – non sempre possiamo svegliarci una mattina e trovare la sorpresa sotto l’albero: a volte, nessun regalo ci è dovuto e le cose, più che pretese, vanno conquistate.
Sempre tutti pronti a lamentarsi di come il nostro paese vada a rotoli, e quasi mai nessuno, invece, disposto a rimboccarsi le maniche per agire.  Probabilmente ciò accade poiché veniamo posti di fronte a questioni che ci sembrano troppo lontane da poterle sentire nostre e troppo grandi da farci pensare che siamo in grado di incidere, individualmente, in un ipotetico cambiamento e miglioramento. Convinti di queste idee, dimentichiamo che le grandi cose non derivano da nient’altro che dalle piccole cose.
«Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano» – diceva Madre Teresa di Calcutta – «ma, se non lo facessimo, l’oceano avrebbe una goccia in meno».
La voglia di essere quella “goccia” è stata espressa dalla cittadinanza Savianese nel momento in cui ha risposto attivamente all’iniziativa tenutasi in Piazza XI agosto il 30 novembre 2014.
Il circolo PD “Angelo Vassallo” di Saviano e i Giovani Democratici di Saviano sono scesi con un gazebo con due scopi: la compilazione di un modulo per la richiesta dell’annullamento dei conguagli previsti dalla GORI (società a cui spetta la gestione del servizio idrico) e una raccolta firme per appoggiare la proposta di legge RCA, avanzata dai parlamentari campani del Partito Democratico, al fine di introdurre una tariffa unica nazionale, evitando così inappropriati dislivelli economici.
L’interessamento e l’attiva partecipazione da parte dei cittadini sono stati degli elementi oltremodo positivi e hanno mostrato quella “sete di giustizia” che faceva da slogan nel manifesto esposto in piazza riguardante la questione GORI.
“E’ un’iniziativa che intendiamo proporre ancora altre volte per far sì che chiunque” – ci informa Giovanni Trocchia, vicesegretario del partito dei Giovani Democratici – “abbia la possibilità di tutelare i propri diritti e salvaguardare la propria posizione”.
Quanto accaduto è la dimostrazione del fatto che non servono necessariamente grandi sforzi per intervenire nel progresso della società ma che, spesso, è sufficiente quantomeno informarsi; addirittura, come in questo caso, anche una sola firma può rivelarsi di fondamentale importanza e, ancora una volta, «se non lo facessimo, l’oceano avrebbe una goccia in meno».
Giusy Panarella

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.