Quotidiano di informazione campano

5 cibi tossici e velenosi per l’uomo da consumare con attenzione

Ma se anche i cibi che normalmente portiamo in tavola contenessero veleni potenzialmente tossici? Senza allarmismo, ma con un pizzico di consapevolezza in più (che non guasta mai), ecco 5 cibi tossici e velenosi per l’uomo da consumare con attenzione. Niente divieti assoluti, ma qualche cautela in più è d’obbligo.

0

1. Le patate

Innocenti e gustosi tuberi? Non completamente. Infatti, le patate contengono due tipi di glicoalcaloidi, lasolanina e la chaconina, inibitori della colinesterasi (neurotossine in grado di inibire l’azione dell’enzima) e teratogeni (in grado di favorire la comparsa di malformazioni nel feto se assunte durante la gravidanza).

Le concentrazioni più alte di queste sostanze si riscontrano nella buccia delle patate e nei tuberi ammaccati o infestati. Da ricordare che la solanina è termoresistente e insolubile, resiste, cioè, senza troppe difficoltà sia all’acqua sia al calore.

Niente paura, però. Non tutte le patate rischiano di essere tossiche. In particolare, quando ci sono alte concentrazioni di queste sostanze, il sapore delle patate è alterato, amarognolo e responsabile di bruciore in bocca e alla gola.

2. Il basilico

Vero protagonista della cucina mediterranea, garanzia di gusto e di profumo per molti piatti, il basilicopotrebbe nascondere qualche lato oscuro tutt’altro che delizioso. In particolare, il basilico essiccato contiene estragolo, un composto organico naturale dall’azione tossica, cancerogena. Il rischio si elimina scegliendo di consumare il basilico fresco o congelato.

Via libera al basilico fresco, quindi, ma preferendo le foglie meno giovani. Infatti, quelle più giovani potrebbero contenere il metileugenolo, dai possibili effetti cancerogeni.

3. Il prezzemolo

I rischi di questa erba, tanto amata dalle massaie per insaporire i piatti, non sono una novità. Non è un caso che secondo la tradizione un tempo era il protagonista della ricetta abortiva per le donne che non volevano portare a termine la gravidanza.

In particolare, il prezzemolo contiene miristicina, che a dosi elevate è un potente narcotico, e apiolo, dall’effetto antibiotico e otossico. Niente panico, però, per esplicare effetti tossici, è necessario assumere quantità rilevanti di prezzemolo, non ne basta una spolverata sulla carne.

4. Le ciliegie

Buone, anzi, buonissime, ma completamente innocue? Anche le ciliegie potrebbero celare qualche insidia.

Se la loro polpa è completamente sicura, non si può dire lo stesso del nocciolo, che rilascia acido cianidrico dal potere tossico.
Il rischio, però, scatta solo nel caso in cui si ingeriscano grandi quantità di noccioli o se i noccioli sono danneggiati. Negli altri casi, non c’è nessun pericolo per la salute degli amanti delle ciliegie.

5. I pomodori

Non hanno veri e propri rischi, ma anche i pomodori non sono privi di insidie. La tomatina, soprattutto, un alcaloide dalla bassa tossicità che si trova a maggiori concentrazioni nei pomodori verdi, nei fusti e nelle foglie della pianta. LA FONTE POERUM FAMM PER RADIO PIAZZA SALUTE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.