Quotidiano di informazione campano

A DIFESA DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E MONUMENTALE DELLA CITTÀ DI NOLA

“Scrivete sui social, utilizzate internet – smartphone Tablet – telefonini…ma non sui monumenti!”

0

All’inciviltà moderna non c’è limite, a chi di notte imbratta i muri di palazzi, monumenti e facciate di chiese, rispondiamo con educazione e chiediamo il rispetto per la STORIA scritta sulle pietre di questa città.

L’Associazione “Contea Nolana” fa appello alle Associazioni Culturali, ai Circoli, agli uomini di Cultura, all’Amministrazione Comunale alle Forze dell’Ordine e a quanti hanno a cuore le sorti della nostra città, a vigilare affinché si limiti l’imbrattamento della stessa attraverso graffiti brutti, sporchi e volgari.

A Nola, imbrattare i monumenti è diventato oramai una piaga sociale. Non si fa in tempo a ripulire una scultura, il muro di una scuola, di una chiesa (si veda Via Santa Chiara, la Chiesa del Gesù e gran parte della Piazza Giordano Bruno), che nel tempo di una notte, la si ritrova vandalizzata nuovamente.

Facciamo appello soprattutto alle organizzazioni di Volontariato che operano in difesa dei beni culturali al fine di evitare l’imbruttimento della nostra città, a divulgare e promuovere soprattutto nelle scuole, una campagna di sensibilizzazione dei beni culturali facenti parte della nostra trimillenaria storia esistenti nella nostra città che dal 2013 si fregia anche del sigillo Unisco.

Sollecitiamo nel contempo, gli organi di Governo cittadino a far rispettare la legge attraverso l’Art. 639 del codice penale sul deturpamento e imbrattamento dei muri, che vieta inoltre la vendita di bombolette spray non biodegradabili ai minori di 18 anni, strumento essenziale all’opera distruttiva dei vandali.

In data 27 ottobre 2015 Prot. 0028940 attraverso una istanza diretta al Sindaco di Nola, all’Assessorato Beni e Attività Culturali, al Comando Vigili Urbani,  l’Associazione “Contea Nolana” chiede quali provvedimenti l’Amministrazione intende prendere per arginare tale fenomeno.

Dispositivo dell’art. 639 Codice Penale

Fonti – Codice Penale – LIBRO SECONDO – Dei delitti un particolare – Titolo XIII – Dei delitti contro il patrimonio (art. 624 – 649) – Capo I  Dei delitti contro il patrimonio mediante violenza alle cose o alle persone Chiunque, fuori dei casi preveduti dall’art. 635, deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con multa fino a centotre euro. Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblico o privato si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300  a 1.000 euro. Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro. Nei casi di recidiva per le ipotisi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro.

ISTANZA AL SINDACO

La Contea Nolana Libera Associazione Culturale e di Volontariato

Al Sig. Sindaco Comune di Nola Dott. Geremia Biancardi – e.p.c. Assessorato Beni e Attività Culturali Arch. Cinzia Trinchese –Comando V.U. – a tutte le Associazioni Culturali, Circoli, Organi di Stampa  ed uomini di Cultura Città di Nola

Oggetto: Istanza a difesa del Patrimonio Storico Artistico e Monumentale della città di Nola.

Gent.le Sindaco, il sottoscritto Napolitano Antonio responsabile dell’Associazione Culturale e di Volontariato “La Contea Nolana” e referente della Comunità nolana della rete delle Grandi Macchine a Spalla Italiane, nel prosieguo delle proprie attività tese alla salvaguardia, tutela e valorizzazione del Patrimonio Storico Artistico e Monumentale della Città di Nola, sottopone alla Sua cortese attenzione, la grave situazione in cui versano numerosi monumenti storici cittadini, sottoposti all’inciviltà dei tempi moderni, deturpati da scritte e graffiti di dubbio gusto.

Numerosi sono i monumenti vandalizzati, a partire da Piazza Giordano Bruno fiore all’occhiello della città di Nola, facciate di chiese, scuole e monumenti sfigurati con graffiti brutti, sporchi e volgari che deturpano l’immagine stessa della Città che si fregia del sigillo Unesco.

Facciamo appello alla sua sensibilità, all’Amministrazione Comunale, al Comando Vigili Urbani, agli organi di stampa e a tutte le Organizzazioni di Volontariato che operano a difesa dei beni culturali, di vigilare ed evitare l’imbruttimento e l’imbrattamento delle pietre  che ricordano ai posteri, il passato storia di questa antica Città.

Sollecitiamo nel contempo, gli organi di polizia cittadina a fare rispettare l’art. 639 del codice penale sul deturpamento dei muri e che vieta inoltre la vendita di bombolette spray  non biodegradabili ai minori di 18 anni, strumento essenziale all’opera distruttiva dei vandali.

Certo che in relazione all’oggetto, Lei e l’amministrazione prendiate i dovuti provvedimenti, la ringrazio anticipatamente.

Nola li 27/10/2015

Per eventuali risposte e contatti: Antonio Napolitano   email:  contnolan@libero.it

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.