Quotidiano di informazione campano

A proposito del Villaggio Preistorico:

0

Il dilemma è, se L’importante sito archeologo vada valorizzato o come ebbe a dire il sindaco di Nola, anni fa, “và dissotterrato in quanto non ci sono fondi per salvarlo”. Sembra, che il primo cittadino, oggi, la pensi diversamente e che il Villaggio dell’età del bronzo “vada salvato”. È umano cambiare idea ma è altrettanto comprensibile chiederci perché questo ripensamento. Sono anni, che numerose associazioni, di cui Meridies, si battono per valorizzare l’importante opera che può essere volano per il turismo archeologico della città di Nola. Stesso discorso è per l’Anfiteatro Laterizio di via Mario De Sena. Naturalmente, tutto dipende dai finanziamenti della Soprintendenza e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Una “spintarella” a tale proposito, potrebbe arrivare dalla Regione Campania affinché Nola possa diventare la Pompei dell’età del bronzo. Impresa possibile se la politica faccia la sua parte. Occorrono lavori per evitare l’allagamento delle Capanne. É poi quelli per la salvaguardia del sito. È per l’auspicio del territorio e della città di Nola.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.