Quotidiano di informazione campano

ACERRA IMPORTANTE – l’altro inceneritore di

0

✭✭ LALTRO INCENERITORE DI ACERRA<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

Camminando tra le campagne di Acerra, in questo periodo cè un suono quasi assordante che ti avvolge, a tal punto che diventa quasi impossibile parlare con chi ti è accanto. Poi allimprovviso, il suono si ferma e ti ritrovi ad assistere a uno spettacolo ormai più unico che raro. Enormi stormi duccelli si muovono in aria velocemente, disegnando figure e forme da far invidia a Salvator Dalì.

Basta poi abbassare leggermente lo sguardo per assistere ad un altro spettacolo surreale e rendersi conto di ritrovarsi in mezzo a decine e decine di discariche illegali. Sullo sfondo a poche centinaia di metri, i tristemente noti stabilimenti della Montefibre e le 3 torri del mega-inceneritore della A2A.

Laltro inceneritore di Acerra si trova proprio di fronte, in località Parmiano. Qui tra le campagne è stato scaricato e bruciato limpossibile. Lo spettacolo è raccapricciante e ci sono resti di roghi tossici ovunque. In pratica, questa zona è stata ridotta ad un vero e proprio inceneritore della camorra.

Le persone che vivono nella zona ci avvertono che questa situazione va avanti da più di 3 anni. Nonostante sollecitazioni e denunce, nessuno del comune di Acerra è mai intervenuto per mettere in sicurezza e sotto controllo la zona. Perché, come se non bastasse, i rifiuti scaricati vengono sistematicamente bruciati quando diventano troppi (addirittura ci indicano gli orari: sempre tra le 4 e le 6 del pomeriggio). In questo modo si cancellano le prove e si crea spazio per nuovi scarichi.

Quello che è veramente impressionante è la quantità di amianto sversato. Crediamo di non esagerare se vi parliamo di diverse centinaia di quintali, se non tonnellate (!!), di amianto frantumato e bruciato e quindi altamente tossico per le persone.

In particolare cè una stradina tra i campi quasi nascosta, dove i soliti ignoti sono riusciti a scaricare in massima tranquillità sia sul margine sinistro che su quello destro. Il risultato? Camminare per 300 400 metri in mezzo a due ali di monnezza. Cè di tutto: televisori, divani, materassi, frigoriferi, scarti della lavorazione edile, bidoncini di solventi, lastre di marmo cimiteriali, bossoli per fucili da caccia, serbatoi per macchine, decine di pneumatici, sacchi di fertilizzanti chimici per lagricoltura, quintali di solai rotti, vasche e lamiere damianto e perfino un acquario! E non è difficile immaginare cosa succederà a breve a questi rifiuti, se lamministrazione comunale non si attiva subito per mettere in sicurezza larea.

Come a Nola, anche ad Acerra recentemente lamministrazione si è vantata di aver raggiunto cifre elevatissime di raccolta differenziata. In un anno si è passati dal 10% al 62%, ricevendo anche il premio Start-up di Legambiente come comune riciclone. Noi ci chiediamo a cosa serva ricevere premi e titoloni sui giornali, se poi non hai il minimo controllo del tuo territorio? Si sfoggia il fiore all’occhiello per nascondere il vestito lurido, sporco da morire.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.