Quotidiano di informazione campano

Addio al produttore George Martin, il ‘quinto Beatle’

Cultura radio piazza news

0

Londra – Addio a George Martin, il produttore dei Beatles. Soprannominato il ‘quinto Beatle’, compositore, musicista e produttore, George Martin, aveva compiuto il 3 gennaio scorso 90 anni. A dare la notizia Ringo Starr, l’antico batterista del gruppo. “Che Dio benedica George Martin, pace e amore per Judy (la moglie, ndr) e la sua famiglia. “George ci manchera’”, ha scritto sul suo account Twitter. Martin collaboro’ alla gran parte dei dischi dei Beatles e, secondo alcuni, fu determinante per il loro successo, tanto da meritarsi a pieno titolo un soprannome che, negli anni, e’ stato riservato anche ad altri personaggi nell’entourage del leggendario quartetto di Liverpool. Con lui se Martin nacque a Londra nel 1926 e iniziò a suonare il piano fin da bambino a soli sei anni. Dal 1947 al 1950 frequentò la Guildhall School of Music and Drama, importante scuola di Londra in cui perfezionò la sua conoscenza del pianoforte e iniziò a suonare l’oboe. Negli anni Cinquanta Martin lavorò per alcuni mesi alla BBC, dal 1955 divenne manager della Parlophone, etichetta musicale fondata a Berlino, in Germania che poi diventò la EMI. Martin incise, usando lo pseudonimo Ray Cathode, una canzone strumentale intitolata Time Beat. ne va un pezzo fondamentale della musica del Novecento

Negli anni Martin e i Beatles riuscirono ad andare d’accordo (nonostante alcuni litigi e dei momentanei “divorzi”) e Martin, oltre a produrre la band, lavorò agli arrangiamenti di alcuni brani, suonando anche alcuni strumenti in certe registrazioni. Uno dei principali meriti di Martin fu quello di rendere più elaborati i brani di certe canzoni dei Beatles che, soprattutto nei loro primi anni, erano descritti come talenti grezzi, musicalmente poco “educati”.

Paul McCartney “George come secondo padre”

Suoi gli arrangiamenti di “Yesterday” così come quelli di “Eleanor Rigby”. Martin collaborò coni i Beatles per tutti gli anni Sessanta, fino al momento in cui si sciolsero, nel 1970. Riuscì, in più di un’occasione, a creare delle nuove hit: ha collaborato tra gli altri con Sting, Jose Carreras, Celin Dione e gli Aerosmith e produsse Candle in the Wind 1997, la versione di Candle in the Wind che Elton John incise dopo la morte della principessa Diana (la prima versione della canzone era invece dedicata a Marilyn Monroe).Candle in the Wind 1997 è ancora oggi uno dei singoli musicali più venduti della storia. Martin continuò anche a collaborare con le esperienze da solisti di alcuni ex Beatle. Nel 1996 Martin fu stato nominato Knight Bachelor, un’importante onorificenza conferita dalla monarchia britannica. Erano ormai 10 anni che non produceva più nessun disco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.