Quotidiano di informazione campano

Addio a Paolo Villaggio l’attore che ha fatto ridere 3 generazioni

lutto per la morte in il grande Paolo villaggio

0

E morto l’attore Paolo Villaggio, questa mattina verso le 6 nella casa di cura privata Paideia di Roma per complicanze legate al diabete. Aveva 84 anni. Nato a Genova il 30 dicembre del 1932 è stato interprete televisivo e cinematografico di personaggi legati a una comicità paradossale e grottesca, come il professor Kranz, il timidissimo Giandomenico Fracchia e il ragionier Ugo Fantozzi.

Morto per complicazioni legate al diabete – Sono rimasti con lui fino all’ultimo Elisabetta e Pierfrancesco i due figli di Paolo Villaggio, che si trovano ancora nella clinica romana Paideia. “Aveva il diabete e si è curato poco e male” ha detto la figlia Elisabetta, aggiungendo che il padre era stato ricoverato prima al Gemelli dal 14 maggio al 9 giugno, e poi è stato trasferito nella struttura di Collina Fleming. “Un mese e mezzo fa abbiamo fatto una serata a Capodistria – ha ricordato il figlio Pierfrancesco – poi ha avuto una forte infezione determinata dal diabete”.

Camera ardente e cerimonia laica – Sarà allestita probabilmente mercoledì mattina in Campidoglio la camera ardente di Paolo Villaggio. A dirlo sono stati i figli, spiegando che in queste ore si stanno stabilendo i dettagli. A seguire dovrebbe esserci una cerimonia laica, nel pomeriggio o la sera, alla Casa del Cinema di Roma. “Come vorrebbe essere ricordato? Con un funerale a San Pietro”. Lo hanno detto quasi sorridendo i figli di Paolo Villaggio “Diceva spesso scherzando ‘se devo avere un funerale in Chiesa, lo voglio a San Pietro”, ha aggiunto la figlia Elisabetta.

All’attività comica fa eco quella di scrittore, cominciata proprio con un libro su Fantozzi, al quale seguiranno altri otto sul ragioniere, e altri libri di carattere satirico. Ha recitato in parti più drammatiche, partecipando a film di registi come Federico Fellini, Marco Ferreri, Lina Wertmüller, Ermanno Olmi e Mario Monicelli. Ricevette il Leone d’oro alla carriera nel 1992, in occasione della 49ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.