Anche gli strumenti per la manicure, soprattutto se condivisi, possono diventare un veicolo di trasmissione per il virus dell’Hiv. Si tratta di un fenomeno piuttosto raro secondo gli esperti, tuttavia sembra proprio ciò che e’ accaduto a una donna brasiliana di 22 anni, il cui caso e’ stato descritto in un articolo pubblicato da un team di ricercatori guidato dall’Università di San Paolo sulla rivista Aids Research and Human Retroviruses. Al momento della diagnosi che indicava una positività all’Hiv, con un’infezione che risultava già in stadio avanzato, i medici hanno iniziato a indagare su come la donna potesse aver contratto il virus, visto che non aveva avuto ancora rapporti sessuali, che se non protetti possono diventare uno dei veicoli principali di trasmissione. Dopo delle ricerche sono arrivati alla conclusione che la ragazza aveva contratto il virus 10 anni prima, quando condivideva con una cugina, risultata poi positiva all’Hiv, gli strumenti per la manicure senza prima disinfettarli. Le analisi dei virus delle due donne hanno poi confermato che tra i due microrganismi c’era un patrimonio genetico condiviso, indirizzando quindi i ricercatori sempre più verso l’ipotesi che il veicolo di trasmissione fossero proprio gli strumenti per la manicure. Gli studiosi tuttavia tranquillizzano, ricordando che il virus dell’Hiv non si trasmette per contatto casuale , come ad esempio quando si condividono le posate o si beve dallo stesso bicchiere, e che altre forme di contagio, come quella dovuta agli strumenti della manicure, sono piuttosto rare.

Tuttavia – spiegano – bisogna essere consapevoli che gli utensili che possono portare a uno scambio di sangue, come gli aghi utilizzati per i tatuaggi, i piercing e l’agopuntura, possono essere veicolo di trasmissione di virus dell’epatite c e dell’Hiv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com