Quarto ed ultimo appuntamento della rassegna «Napul’è Mille Culure», firmata da TeatroNovanta, diretta da Serena Stella ed Alessandro Caiazzavenerdì 6 aprile alle 21.00, al Teatro delle Arti di Salerno, andrà in scena «Caffè Sconcerto. Gran Varietà al Trianon». Ricreando l’atmosfera del caffè-concerto, gli esilaranti personaggi “in galleria” salgono sul palcoscenico per divertire il pubblico, quest’ultimo protagonista assoluto a cui sarà affidato un ruolo primario.

L’idea del regista Gaetano Stella nasce dal fatto che a Napoli, nel primo ‘900, ha un successo clamoroso il cafè-chantant, appunto il caffè-concerto, importato dalla Francia. Il primo nacque nella galleria Umberto I del capoluogo partenopeo, dove si unì il guadagno da un’attività redditizia al fascino della rappresentazione del vivo. Il café-chantant in Italia divenne, poco a poco, non solo un luogo ed un genere teatrale, ma anche qui, come in Francia, il simbolo della bella vita e della spensieratezza, nel pieno della coincidenza con la Belle époque.

«Non è una rappresentazione teatrale di Napoli – commenta il regista Stella – così come non è una teatralizzazione della napoletanità. È Napoli. È spettacolo. È teatro. Perché, come disse Eduardo, Napule è ‘nu paese curioso è ‘nu teatro antico, sempre apierto».

Il direttore artistico, Serena Stella, parla di «spettacolo composto» spiegando che «gli spettatori saranno coinvolti in un gioco di teatro, una summa, un compendio. Tantissimi personaggi, pochissimi attori». Per l’ultimo appuntamento della fortunata rassegna sui colori di Napoli, che ha fatto registrare sold-out ad ogni messinscena, è stato evitato un colore in particolare. «Mai come questa volta – aggiunge il regista – è il caleidoscopio assoluto. Non ne manca uno. La rappresentazione sarà sfolgorante. O esce un rosso sipario o un paillettato luccicante».

Venerdì sera, inoltre, saranno annunciati i titoli degli spettacoli della nuova stagione che sarà di 5 spettacoli, non più di 4. Gli abbonati di TeatroNovanta potranno usufruire della prelazione sull’acquisto ad un prezzo conveniente.

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com