NAPOLI, 3 GEN – Decine di pullman pieni di turisti, perlopiù asiatici, delusi per avere trovato gli scavi archeologici di Pompei chiusi, qualche selfie davanti ai cancelli sbarrati, niente servizi igienici per i visitatori “mancati”, e solo una bancarella di souvenir aperta.

    E’ lo scenario raccontato oggi da Antonio Irlando, dell’Osservatorio Patrimonio Culturale, che ha passato qualche ora davanti agli ingressi degli scavi. “La chiusura ha provocato danni a immagine ed economia del territorio”. RADIO PIAZZA NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie