Quotidiano di informazione campano

ALLARME POLVERI SOTTILI: ECCO GLI ESITI DELLE SPIROMETRIE EFFETTUATE SULLA POPOLAZIONE DI POLVICA DI NOLA IL 4 MARZO SCORSO. APPELLO DEI MEDICI PER L’AMBIENTE.

0

Nola – Questa Associazione comunica che in data 4 marzo 2017 sono stati eseguiti, in Piazza San Vincenzo Ferreri a Polvica di Nola, n. 50 esami spirometrici sulla popolazione residente, al fine di sensibilizzare gli Enti preposti e i cittadini sull’annosa questione dell’inquinamento atmosferico ed in particolare sugli sforamenti dei livelli di polveri sottili nell’aria, registrati nel corso del mese di gennaio scorso dall’Arpac. Sono stati sottoposti all’esame di funzionalità respiratoria diciotto maschi e trentadue femmine, e abbiamo registrato due soggetti affetti da Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), tre con patologia cronica restrittiva e due pazienti con condizioni miste (circa il 14% del campione osservato era affetto da tali patologie). Le polveri sottili in questi soggetti causano aumento degli episodi bronchitici acuti nel tempo e tendono a cronicizzare queste patologie, con effetti a lungo termine deleteri ed invalidanti. Si spera che l’Autorità Sanitaria Locale possa intervenire in tempi brevi e condurre campagne di screening approfonditi per la popolazione, e al contempo si pretenda il rispetto delle norme che regolano le attività estrattive calcaree per mitigare l’impatto sulla salute delle polveri sospese. Con esami granulometrici è possibile, inoltre, stabilire quanto carbonato di calcio è presente sulle particelle PM10 sospese nell’aria e ridurre così l’impatto di tali attività  con prescrizioni più severe. I medici esortano la popolazione tutta a sottoporsi a questi esami preventivi e le autorità a ridurre tutti i fattori ambientali di rischio. I Medici per l’Ambiente ritengono che le battaglie per la salute si vincono stando uniti alla popolazione e che la popolazione scolastica debba essere tutelata in maniera prioritaria per dare ai nostri bambini un futuro sano. Troppe persone hanno perduto la battaglia della vita. E’ il momento di agire.

 

Dott. Gennaro Esposito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.