Almanacco del 23 gennaio 2021

E’ il 23° giorno dell’anno, 3ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 342 giorni.

A Roma il sole sorge alle 07:30 e tramonta alle 17:14 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 07:53 e tramonta alle 17:16 (ora solare)
Luna: 2.46 (tram.) 12.47 (lev.)

Santi del giorno: Sant’Emerenziana (Vergine e Martire)
Sant’Ildefonso (Idelfonso) da Toledo (Vescovo)
Sant’Amasio (Vescovo)
San Maimbodo

Etimologia: Emerenziana, viene dal nome latino Emerentiana, femminile del nome Emerentianus formato sul termine emere (meritare). Il significato di Emerenziana è dunque “colei che merita”. Secondo altre fonti potrebbe invece derivare dal termine greco emeresia (del giorno). In questo caso, il suo significato è “appena nata” o “bambina piccola”.

Proverbio del giorno:
La neve di gennaio diventa sale, e quella d’aprile farina.

Aforisma del giorno:
L’orrore della crudeltà mi spinge più innanzi nella clemenza di quanto qualsiasi modello di clemenza non potrebbe attrarmi. (M. de Montaigne)

Accadde Oggi:

1932 – Primo numero della Settimana Enigmistica (89 anni fa): Dall’America passando per Vienna. Lungo questa direttrice sbarcò in Italia la mania di cruciverba e rebus entrando tutti i fine settimana nelle case di milioni di italiani.

Sei nato oggi? Per tua fortuna una innata autorevolezza sorregge tutte le tue scelte e fa di te una persona di cui ci si fida ad occhi chiusi. Nel lavoro ti verranno spesso affidati incarichi importanti e delicati, che saprai svolgere al meglio. La tua tendenza a dettar ordini e a vederli subito eseguiti, potrebbe però crearti qualche problema in amore, verso cui dovrai cercare di essere un po’ più morbido ed arrendevole.

Celebrità nate in questo giorno:

1832 – Édouard Manet (189 anni fa): Un grande maestro della pittura en plein air (all’aperto), fatta di pennellate rapide, di vivacità di colori e di una resa naturalistica della luce, e in ciò anticipatrice della corrente impressionista.

1783 – Stendhal (238 anni fa): Annoverato tra i maggiori scrittori francesi dell’Ottocento, le sue opere figurano tra i classici della letteratura europea. Nato a Grenoble, nella Francia sud-orientale, e morto a Parigi.

Scomparsi oggi:

1989 – Salvador Dalí (32 anni fa): Artista poliedrico e tra i più eccentrici del Novecento, con il suo stile onirico è stato il maggior esponente della corrente surrealista. L’inesauribile estro che gli era peculiare lo ha portato ad eccellere in diversi campi, dalla pittura alla fotografia, dalla scultura al cinema.

1744 – Giambattista Vico (277 anni fa): Nato a Napoli (nell’odierna via San Biagio dei Librai, come ricorda una lapide lungo la strada), è considerato il più grande filosofo dell’epoca moderna, oltre ad essere ricordato come storico e giurista.

1944 – Edvard Munch (77 anni fa): Noto come l’esistenzialista dei fiordi, con la sua pittura anticipò gli aspetti peculiari dell’espressionismo, di cui è considerato il padre. Nato a Løten, nel sud-est della Norvegia

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com