Quotidiano di informazione campano

ANNUNCIATA LA TERZA EDIZIONE DEL SALERNO DOC FESTIVAL: DATE, BANDO DI CONCORSO E CROWDFUNDING

Torna, dal 12 Novembre al 21 Dicembre 2014 a Salerno, il Salerno DOC Festival, rassegna internazionale dedicata al cinema documentario, giunta quest'anno alla sua terza edizione.

0

IL FESTIVAL

La terza edizione, organizzata ancora una volta dall’Associazione Scene Contemporanee sotto la guida del presidente Franco Cappuccio, continua nell’opera di crescita della manifestazione portando un programma di assoluto valore internazionale.

La novità principale, rispetto alle precedenti edizioni, è la suddivisione della manifestazione in due parti distinte, ma complementari a sviluppare la vision che il Salerno DOC Festival si propone di assolvere:

  • il Concorso, riservato a documentari italiani del 2014, novità assoluta della manifestazione che non aveva mai avuto finora una sezione competitiva. I documentari, selezionati per il loro elevato valore filmico, verranno giudicati da una giuria internazionale di 5 elementi formata da registi, critici e selezionatori di livello internazionale;
  • i Fuori Concorso, in cui verranno presentati in maniera non competitiva documentari italiani ed internazionali, selezionati per mostrare il meglio prodotto nel 2014 nel mondo.

Il Salerno DOC Festival è svolto in partnership con enti e associazioni tra cui: il Centro Informagiovani di Salerno, l’Arci Salerno, la testata online Scene Contemporanee, la Rete dei Giovani per Salerno e può contare sul patrocinio del Comune di Salerno e dell’Università degli studi di Salerno, quest’ultima in particolare attraverso le partnership specifiche con CreActivitas – Laboratorio di Economia Creativa, l’OCPG – Osservatorio Culture e Politiche Giovanili e Davimedia.

Il festival inoltre quest’anno si avvale della prestigiosa collaborazione dell’Institut Français di Napoli e del Consolato Francese a Napoli, nonché di una serie di altri partner che saranno comunicati nei prossimi giorni.

Il Salerno DOC è nato tre anni fa con lo scopo di avvicinare il pubblico italiano, ed in particolare del Meridione, ad una delle eccellenze in campo internazionale della nostra cinematografia: il cinema documentario. Questo genere in Italia non viene valorizzato da un’adeguata distribuzione, nonostante i prodotti italiani continuino a rappresentare un punto di riferimento internazionale. Seppur negli ultimi tempi qualcosa in questo senso si stia muovendo, come dimostrano i riconoscimenti ottenuti da documentari come Sacro Gra o l’opera di lungimiranti case di distribuzione come la Wonder Pictures o Officine UBU, il Salerno Doc Festival è un’ ottima opportunità per quanti vogliono avvicinarsi ad eccellenze internazionali del documentario; in particolare alla sperimentazione che nel genere molto spesso non trova spazio se non in pochissime rassegne di nicchia sul territorio italiano.

Nelle due precedenti edizioni la rassegna, forte di un ricco programma (ricordiamo soltanto L’ultimo pastore di Marco Bonfanti e i lavori di Sylvain George e Lois Patino, miglior regista emergente nella sezione Cineasti del Presente al festival di Locarno 2013), ha ottenuto un buon riscontro di pubblico attirando l’attenzione dei media, di settore e non.

Una delle peculiarità che ha permesso al Salerno DOC Festival di imporsi all’attenzione del pubblico è quella del voler far vivere l’esperienza del festival a tutto tondo, non limitandosi alla semplice proiezione dei film, ma instaurando dialoghi con i registi ed esperti dei temi trattati, allo scopo di far vivere ogni proiezione come un momento unico di esperienza per il pubblico.

L’ANTEPRIMA

In avvicinamento al festival il Salerno DOC Festival organizza un’anteprima d’eccezione: giovedì 25 Settembre alle ore 20.15 presso la sede del Centro Informagiovani di Salerno verrà proiettato Zanj Revolution, l’ultimo lavoro del regista Tariq Teguia, considerato uno dei più importanti e premiati registri maghrebini viventi.

Un giornalista algerino, mentre segue i conflitti interni nel sud dell’Algeria, ritrova casualmente le tracce delle antiche e dimenticate rivolte contro il califfato degli Abbasidi, avvenute in Iraq tra l’VIII e il IX secolo. L’utopia della rivoluzione pan-araba lo conduce a Beirut, la citta che un tempo era il simbolo delle speranze e delle lotte di tutto il mondo arabo. Un film che unisce Godard e gli MC5, le teorie di Franz Fanon e il noir di Jacques Tourneur.

Alla proiezione del film, presentato al Festival Internazionale del Cinema di Roma 2013, così come da abitudine del Salerno DOC Festival, sarà presente il regista, accompagnato per l’occasione da Donatello Fumarola di Fuori Orario, lo storico programma di Rai 3 diretto da Enrico Ghezzi, che quest’anno compie 25 anni di attività. Il duo si ritroverà con il pubblico dopo la proiezione, parlando del film e dei temi raccontati da esso e rispondendo alle domande del pubblico.

Tariq Teguia (1966, Algeria) ha studiato arti visive e filosofia a Parigi, dove ha lavorato come fotografo freelance. Tornato in Algeria, ha insegnato storia dell’arte in una scuola d’arte. Zanj Revolution è il suo terzo lungometraggio.

LA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING

Il Salerno DOC Festival, nell’ottica di avere un festival che sia anche partecipativo e capace di crescere insieme ad una comunità ha deciso di chiedere un contributo per le sue attività anche attraverso una campagna di crowdfunding.

Sul sito di DeRev, piattaforma online di crowdfunding napoletana (e anche qui è evidente come il Salerno DOC Festival cerchi di lavorare anche con il territorio che lo circonda) sarà possibile, per tutti coloro che volessero sostenere il festival, effettuare delle donazioni che daranno vita ad una serie di ricompense: dai semplici ringraziamenti ad una serie di gadget del festival fino ad arrivare alla possibilità di dare visibilità al proprio nome sulla comunicazione degli eventi.

IL BANDO DI CONCORSO

Una delle grandi novità della terza edizione del Salerno DOC Festival è la presenza, per la prima volta nella sua storia, di un concorso riservato a lungometraggi italiani documentari. Questi, che saranno giudicati da una giuria internazionale che verrà svelata nei prossimi giorni, concorreranno a vincere sia il premio ufficiale della giuria, sia il premio del pubblico, che avrà quindi la possibilità di premiare il lavoro più vicino ai suoi gusti. I lungometraggi, tutti del 2014, si caratterizzano per la loro capacità innovativa all’interno del

genere filmico e per il rappresentare, in maniera netta e definita, il punto di vista e la poetica di coloro che li realizzano. Sarà possibile partecipare al bando compilando il modulo che sarà attivo nelle prossime ore sul sito ufficiale del festival www.salernodocfestival.com dove si potrà leggere il regolamento ed avere tutte le istruzioni per l’iscrizione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.