Quotidiano di informazione campano

Arriva al Monaldi la prima macchina che misura il dolore

0

Un innovativo sistema di monitoraggio del dolore percepito dal paziente durante interventi chirurgici in anestesia generale è finalmente disponibile. 

E ad applicarlo è lazienda ospedaliera dei Colli che raduna Monaldi, Cto e Cotugno. Il «metro del dolore» è un monitoraggio che fornisce un sicuro, continuo e semplice indice del tono parasimpatico del paziente e quindi informazioni sulla sensazione di dolore percepita, segnalandola in anticipo rispetto alle conseguenze che tale dolore provocherebbe in termini di aumento di frequenza cardiaca e pressione arteriosa.

«Dopo una sperimentazione eseguita in collaborazione con unaltra azienda ospedaliera del nord Italia – spiega il dottor Antonio Corcione, direttore della Uoc Anestesia e Terapia intensiva Post Operatoria del Monaldi – siamo gli unici ad aver introdotto questo monitoraggio tra quelli utilizzati nelle nostre sale operatorie. Prima la valutazione del parametro dolore in corso di intervento chirurgico avveniva in maniera empirica e il dosaggio dei farmaci antidolorifici si effettuava esclusivamente in base al peso corporeo e alla osservazione della risposta cardiaca e pressoria del paziente. Oggi non è più così».

Le sale operatorie dellazienda ospedaliera dei Colli applicano il «Metrodoloris» a tutti i pazienti sottoposti a intervento chirurgico. In corso di anestesia generale il paziente non avverte il dolore in maniera cosciente e non ne conserva memoria, ma reagisce con un aumento della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca. Questo sistema di monitoraggio è stato approvato dal direttore generale dellazienda dei Colli, Antonio Giordano, da sempre favorevole alle novità in campo medico e sensibile alle problematiche legate alla sicurezza del paziente.

«Il monitoraggio fornisce informazioni sulla sensazione di dolore percepita dal paziente – precisa la dottoressa Clelia Esposito, dirigente medico anestesista, responsabile Tecniche speciali di anestesia – e attraverso lanalisi del segnale elettrico cardiaco esprime un indice numerico che consente di modulare in maniera ottimale il dosaggio di farmaci antidolorifici, in particolare oppioidi, somministrati durante lintervento, evitandone inutili sovra dosaggi. Tuttavia è necessario mettere sempre in connessione il valore monitorato con il contesto di cure praticate».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.