Quotidiano di informazione campano

ATTACCO A KREMENCHUK Oltre 20 i morti nel mall colpito dai razzi russi LA GAZZETTA CAMPANA ULTIMISSIME DAL MONDO LA GAZZETTA CAMPANA E ANSA

NOLA NEL MONDO LE NEWS DI RADIO ANTENNA CAMPANIA

Una strage di civili in un centro commerciale pieno di gente.

Kremenchuk, nella regione di Poltava sulle rive del fiume Dnipro, nell’Ucraina centrale, “oltre mille persone” ieri stavano facendo acquisti all’interno dell’Amstor, 300 metri dalla stazione ferroviaria, quando poco prima delle 16 locali due missili russi lo hanno centrato, provocando almeno 20 morti e oltre 50 feriti, di cui 6 in condizioni gravi.

Trader n°1 al mondo spiega come guadagnare anche se il mercato crollaoneyeartarget.it

Un totale di 36 persone risultano disperse. Non ci sono altri sopravvissuti sotto le macerie.

Ma il ministero della Difesa russo ha negato il bombardamento. Il ministero, citato dalle agenzie di Mosca, ha affermato invece che un “missile di precisione” ha colpito un deposito in cui erano stoccate armi inviate dagli Usa e dall’Europa provocando un incendio che poi si è propagato al vicino centro commerciale che ieri, secondo Mosca, “era chiuso”.

Secondo le prime ricostruzioni dell’esercito di Kiev, l’attacco è stato compiuto con due missili a lungo raggio Kh-22 sparati dalla regione russa di Kursk da bombardieri Tu-22M3, decollati dalla base di Shaykovka. L’obiettivo colpito non costituiva un “pericolo per l’esercito russo” e non aveva “nessun valore strategico”, ha denunciato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo cui l’attacco ha preso deliberatamente di mira “il tentativo delle persone di vivere una vita normale, che fa arrabbiare così tanto gli occupanti”. Per il governatore Dmytro Lunin “è un altro crimine di guerra russo. “Condanniamo solennemente l’abominevole attacco a un centro commerciale a Kremenchuk. Siamo uniti all’Ucraina nel piangere le vittime innocenti di questo attacco brutale. Gli attacchi indiscriminati a civili innocenti costituiscono un crimine di guerra. Il presidente russo Putin e i responsabili saranno tenuti a renderne conto”. È quanto si legge in una dichiarazione dei leader del G7.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky denuncia come un “atto terroristico spudorato” il raid russo. Un crimine contro l’umanità. Un chiaro e cinico atto di terrore contro la popolazione civile”. Immediata è giunta anche la condanna internazionale. Dal G7, il premier britannico Boris Johnson ha puntato il dito contro “la profondità della crudeltà e della barbarie” di Vladimir Putin mentre il segretario di stato americano, Antony Blinken, ha detto che “il mondo è inorridito”. Non è la prima volta che Kremenchuk viene colpita dall’inizio del conflitto.

“Il numero totale di missili russi che hanno colpito le nostre città – dice Zelensky in un nuovo video – è già 2.811. Quante altre bombe aeree, quanti proiettili di artiglieria?! Oggi, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è levato in piedi e ha onorato la memoria di tutti gli ucraini uccisi. I membri della delegazione russa hanno guardato indietro tutti i presenti nella sala del Consiglio e hanno anche deciso di alzarsi in piedi, solo per non sembrare dei veri e propri assassini. Ma tutti sanno che è il terrore russo che sta uccidendo persone innocenti in questa guerra contro il popolo ucraino”.

Zelensky, in un video serale, ha mostrato un filmato dell’impatto dei missili russi sul centro commerciale. “Voglio concludere questo appello – ha aggiunto Zelensky – con una di queste prove, in modo che nessuno osi ingannare sull’attacco missilistico al centro commerciale di Kremenchug. Il missile russo ha colpito proprio di proposito. Ovviamente, questo era l’ordine. È ovvio che tali coordinate sono state ottenute da assassini russi per questo missile. Volevano uccidere quante più persone possibile in una città pacifica in un normale centro commerciale”. Zelensky ha affermato che le autorità ucraine hanno i nomi di tutti coloro che hanno deciso di lanciare un attacco missilistico su Kremenchuk.

“Le continue consegne di armi da Washington a Kiev – dice intanto l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov, secondo quanto riporta la Tass – non fanno altro che inasprire la spirale del conflitto e aumentare la minaccia di un ulteriore aggravamento con conseguenze imprevedibili”. “L’inondazione sconsiderata e senza risposta di armi in Ucraina non fa che stringere la spirale del conflitto e aumenta la minaccia di un’ulteriore escalation con conseguenze imprevedibili”, ha affermato il canale Telegram dell’ambasciata russa. “Tuttavia, i circoli dirigenti di Washington, accecati dall’idea di indebolire la Russia, non sono ancora in grado di valutare razionalmente e nel suo complesso la pericolosità delle loro mosse”, ha aggiunto Antonov. “L’amministrazione aumenta le forniture di armi a Kiev – aggiunge la nota -. Se in precedenza fornivano MPADS e ATGM, ora tocca all’artiglieria pesante, all’MLRS e, a quanto pare, ai sistemi di difesa aerea”, ha osservato. Il diplomatico ha sottolineato che, inoltre, gli Stati Uniti condividono i dati dell’intelligence con la parte ucraina e si consultano su “come agire sul campo di battaglia”. “Essenzialmente, con le loro mosse provocatorie, gli Stati Uniti stanno spingendo il regime di Kiev a commettere omicidi di massa di civili. Inoltre, qui stanno condonando il continuo dispiegamento di mercenari statunitensi in Ucraina”, ha aggiunto. “Una tale politica crea rischi aggiuntivi nelle relazioni tra le maggiori potenze nucleari”, ha sottolineato l’ambasciatore.

Medvedev, Nato in Crimea sarebbe Terza guerra mondiale
“Qualsiasi tentativo di invadere la Crimea equivarrebbe a una dichiarazione di guerra contro la Russia. Se uno Stato membro della Nato facesse una tale mossa, porterebbe a un conflitto contro l’intera Alleanza dell’Atlantico del Nord: alla Terza guerra mondiale, a un disastro totale”: così il vicecapo del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, intervistato dai media di Mosca. La possibile adesione dell’Ucraina alla Nato rappresenta un pericolo maggiore per la Russia rispetto a quella di Svezia e Finlandia, ha detto ancora l’ex presidente ed ex premier russo. Kiev sarebbe “molto più pericolosa per il nostro Paese in quanto membro” dell’Alleanza dell’Atlantico del Nord, ha sottolineato Medvedev.

Strage di migranti in Texas, 50 morti soffocati dentro un tir

Mondo.

Salgono a 50 i migranti morti all’interno di un camion abbandonato a San Antonio, in Texas. Lo riferisce la Cnn. Dodici le persone ferite, tra le quali anche quattro bambini. Le vittime provenivano per la maggior parte da Messico, Guatemala e Honduras.

 (ANSA)

Ex nazista di 101 anni condannato a 5 anni di prigione

Europa.

Condannato all’età di 101 anni per avere favorito esecuzioni nelle camere a gas naziste.

Fotogramma dal video sovietico sulla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz (fonte: United States Holocaust Memorial Museum, Belarussian State Archive of Documentary Film and Photography) (ANSA)Fotogramma dal video sovietico sulla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz (fonte: United States Holocaust Memorial Museum, Belarussian State Archive of Documentary Film and Photography)

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.