Quotidiano di informazione campano

Avellino, addio a Sibilia. Tra intuito, gaffe e guai ha fatto la storia del club irpino

Presidente in tre diverse occasioni dagli anni '70 a fine millennio, fu celebre per strafalcioni e vicende giudiziarie. Ma anche per aver scoperto De Napoli, Tacconi e Juary

0

È morto nel suo paese natìo, Mercogliano. Nella sua terra: Avellino, l’Irpinia. È morto a 93 anni (ne avrebbe compiuti 94 il 4 novembre) Antonio Sibilia, storico patron dell’Avellino di cui è stato dirigente per circa mezzo secolo. “Il commendatore di Mercogliano” era malato da alcuni mesi. Gran scopritore di talenti, a lui devono le loro fortune calciatori del calibro di De Napoli, che arrivò a giocare i Mondiali in Messico, Vignola, Tacconi e Favero, e soprattutto Juary, il brasiliano che festeggiava i gol ballando il samba attorno alla bandierina del calcio d’angolo.lutto nello sport da radio piazza news

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.