Quotidiano di informazione campano

Aveva avuto il coraggio di tornare a Milano cosi e stato fermato il killer di Berlino ucciso nella sparatoria di Sesto San Giovanni dopo un controllo della polizia. “Documentato il suo passaggio alla stazione di Milano”

L'attentatore Anis Amri è stato fermato nella notte per un controllo dei documenti nel comune alle porte di Milano. Ha reagito estraendo una pistola dallo zaino ferendo un agente, Christian Movio. Gli agenti hanno risposto ai colpi uccidendolo. L'identificazione è arrivata sia dai tratti somatici sia dalla comparazione delle impronte. La conferma del ministro dell'Interno Minniti: "È lui senza dubbio". Sarebbe arrivato dalla Francia a Milano in treno

0

Come “un fantasma” aveva avuto il coraggio di tornare in Italia  è apparso prima in stazione Centrale a Milano, poi davanti a quella di Sesto San Giovanni. È qui che la fuga di Anis Amri, il 24enne tunisino ricercato per la strage ai mercatini di Natale di Berlino, è finita nel suo stesso sangue. Il terrorista è morto in una sparatoria nella cittadina alle porte di Milano con la polizia. L’identità del killer che Isis ha rivendicato come un suo “soldato” e ha provocato la morte di dodici persone e il ferimento di 48 – è stata confermata dalla Germania e “senza ombra di dubbio” dal ministro dell’Interno Marco Minniti. A dare il nome a quello straniero colpito con due colpi da un agente sono state le impronte digitali. Amri, che era conosciuto con alre identità, era ricercato in tutta Europa. In un video filmato prima del massacro di Kantstrasse il jihadista giura fedeltà all’Isis dichiarando di voler vendicare i musulmani uccisi nei raid: “Veniamo a sgozzarvi come maiali”.CRONACA RADIO PIAZZA NEWS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.