Quotidiano di informazione campano

BELLUNO,MUSICA DA LUGLIO SI CHIUDE ALLE 23

0

BELLUNO. Dopo i commercianti, ieri è toccato alla controparte: i residenti. Oggetto del contendere sempre la musica a tarda ora e gli schiamazzi fuori dai locali più animati del centro cittadino. La Belluno by night vuole darsi una regolata e a cercare di mettere tutti daccordo ci prova lamministrazione comunale, con il primo cittadino che martedì ha incontrato «i privati cittadini, circa una ventina, che nel recente passato avevano evidenziato le criticità legate alla diffusione a certi volumi della musica nei locali pubblici. Ho loro ribadito, come già fatto con i commercianti, la ferma volontà dellamministrazione di trovare un punto di equilibrio per sbloccare definitivamente questa situazione di contrapposizione: una conflittualità perenne che va superata, trovare un punto di equilibrio è possibile».

Incontro che ha fatto emergere, sostanzialmente, tre problematiche: «Il protrarsi fino a tarda ora della musica, la sporcizia nelle aree limitrofe ai locali e il disturbo, gli schiamazzi delle persone che sostavano fino a tarda ora fuori dai locali. Come già annunciato il primo luglio partiremo con il mese di sperimentazione (fino al 31 luglio, ndr), al termine del quale tutti insieme faremo le valutazioni del caso».

Il dialogo, insomma, alla base di quello che lo stesso sindaco si augura diventi un processo di cambiamento delle abitudini e dellimmagine della città di Belluno, che da bella di notte dovrebbe diventare buona allaperitivo. «Cerchiamo di spostare lattività musicale sullorario dellaperitivo, non vorremmo più la città delle ore piccole», precisa il sindaco. Dal primo luglio, quindi, musica all’esterno dei locali dalle 17.30 alle 23. Dentro i locali fino a mezzanotte, e poi dopo ancora in sottofondo. Un orario che ci sembra equo, per tutti. Accorciare la serata, però, non basta, per questo chiediamo anche un duplice impegno agli esercenti: ripulire, a loro carico, larea nel raggio di circa 150 metri dal locale di proprietà e fare il possibile per ridurre il rumore provocato dagli assembramenti di persone che sostano fuori dai locali. Ci rendiamo conto che questo è un compito delicato, non sono poliziotti, ma è comunque una dimostrazione di buona volontà».

Solo la premessa di quella che potrebbe diventare lordinanza anti-schiamazzi, ma già dotata di restrizioni. «Le sanzioni, ovviamente, restano quelle previste dalla legge», precisa il sindaco Massaro. «Restano in deroga, chiaramente, i Giovedì sera in piazza, mentre alla fine di luglio cominceremo a valutare i risultati di questa fase sperimentale. Se saranno soddisfacenti bene, in caso contrario lorientamento è quello di apportare alcune modifiche e tentare un secondo mese di sperimentazione. Questo perchè la vivicità della città, ritengo, può tranquillamente essere compatibile con la sua vivibilità». DA RADIO PIAZZA ITALIA

Marco Ceci

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.