ROMA – Sciopero nazionale dei distributori di benzina il 12 e il 14 dicembre su tutta la rete. E’ stato proclamato oggi nel corso degli stati generali delle tre associazioni Fegica-Cisl, Faib-Confesercenti e Figisc-Confcommercio.
«La situazione è drammatica: c’è una contrazione del 30 per cento sulla rete ordinaria. C’è un debito di circa 300 milioni nei confronti delle compagnie petrolifere e delle banche». Ad affermarlo Alessandro Micheli della Figisc-Confcommercio, l’associazione dei giovani gestori degli impianti stradali di carburante, mentre era ancora in corso la riunione delle associazioni di categoria a Roma. «A luglio-agosto avevamo previsto uno sciopero – ricorda – che avevamo sospeso dopo una serie di incontri al ministero, che si era fatto garante presso le compagnie petrolifere. Ma nulla è stato rispettato – ha concluso – non c’è stato alcun  ritorno,se non vessatorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *