Quotidiano di informazione campano

Bersani a Monti “Collaboriamo”

0

Pier Luigi Bersani ha rivendicato il sostegno a Mario Monti e alle sue riforme, e ha rinnovato la disponbilita’ a collaborare dopo il voto. “Monti e’ arrivato da solo, non e’ che avesse una maggioranza parlamentare gliela abbiamo data noi, noi abbiamo voluto il professor Monti, noi abbiamo affrontato il popolo e quindi ci riteniamo assolutamente protagonisti nel bene e nel male di questo anno e mezzo”, ha chiarito parlando a Berlino. “Adesso bisogna che guardiamo avanti e facciamo le elezioni e che ci siano forze politiche che prendano la responsabilita’”, ha sottolineato, “il professor Monti ha costruito una sua forza politica, e’ nella competizione, ci sono le schermaglie elettorali, ma ho sempre detto che sono prontissimo a una collaborazione con tutte le forze contrarie al berlusconismo e al leghismo, certamente anche con il professor Monti”.

“Apprezzo ogni apertura e ogni disponibilita’ e anche questa frase che Bersani ha detto dalla Germania, dove, mi pare, la politica fatta in quest’ultimo anno con l’aiuto del Parlamento, e’ stata apprezzata”. Cosi’ il premier dimissionario, Mario Monti, a Pordenone ha commentato le parole di oggi del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. “Io – ha rilanciato – saro’ disponibile ad alleanze con tutti e solo coloro che saranno seriamente impegnati sul piano delle riforme strutturali”. Mario Monti e’ poi tornato sull’ipotesi di un condono fiscale. Il premier dimissionario ha evitato di commentare la posizione del pg della Corte dei Conti, spiegando di non averla letta e ha raccontato che, durante i 15 mesi di governo, “la tentazione di ricorrere a condoni e’ stata enorme, perche’ avevamo disperato bisogno di soldi”, ma nonostante questo “non ne abbiamo fatto neanche uno”.

Schiaffi al Pdl e Berlusconi, “ricostruzione errata e operazione diseducativa verso gli italiani, presentare la situazione del 2011 come rosea”, “polpetta avvelenata” parlare di restituire l’Imu, ma pochi complimenti anche per il centrosinistra “molto simile a quello guidato dal professor Prodi, che ha avuto problemi interni che poi l’hanno fatto disgregare”. Mario Monti non usa troppi riguardi per i competitori elettorali e la giornata si avvia con un confronto ricco di punte. E da Berlino e’ Pier Luigi Bersani a ribadire invece che “stabilita’, rigore e completamento del mercato non sono sufficienti se non riparte una strategia di investimenti e di crescita su scala continentale”. A colpi di interviste, ecco anche la replica di Silvio Berlusconi che liquida come “un’altra delle stupidaggini che abbiamo sentito da parecchio tempo, e soprattutto in questi giorni” l’accusa che la nuova fiammata dello spread sia colpa sua.

“I sondaggi, ufficiosi e non ancora ufficiali, di ieri sera ci mostrano vicini, e qualcuno addirittura in certe regioni ci da’ alla pari, con la sinistra. Confidiamo che nelle prossime settimane, anche via via che il nostro impegno sull’Imu sara’ conosciuto dagli italiani e sara’ dimostrato che e’ assolutamente credibile, saranno ancora di piu’ i voti che si sposteranno a nostro favore”, aggiunge. Ma a criticare la proposta sull’Imu arriva anche l’alleato Lega: “Non mi piacciono i condoni, non mi piacciono questi colpi di spugna”, dice Roberto Maroni che aggiunge: “Su questo punto non esprimo un consenso a proposte di questo genere”. Pdl e Lega faranno insieme il 24%. Ne e’ sicuro Pier Luigi Bersani che oggi ha parlato a Berlino. “La destra esiste in tutto il mondo, una posizione che dice no alle tasse, no agli immigrati, no allo Stato c’e’ in tutto il mondo. in altre parti del mondo questa destra e’ temperata e moderata da una radice liberale. In Italia no. C’e’ una destra che ha queste parole d’ordine ma che non ha dentro storicamente un concetto liberalmoderato”, ha spiegato il segretario del Pd rispondendo a una domanda sulle parole di Silvio Berlusconi nei confronti di Benito Mussolini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.