Quotidiano di informazione campano

BIMBO UCCISO A CARDITO, “COLPITI ANCHE CON LA SCOPA”.

Convalidato dal Gip del Tribunale di Napoli Nord il fermo di Tony Badre, l’uomo tunisino che ha ucciso il piccolo Giuseppe di 7 anni e massacrato la sorellina Noemi di anni 8. “Volevo bene ai ragazzi come fossero miei, ma quando hanno distrutto la cameretta acquistata con tanti sacrifici ho perso la testa. Li ho colpiti con calci e pugni, anche con il manico della scopa”. L’agghiacciante ammissione di Tony Badre, 24 anni, davanti al Gip che lo interrogava per la convalida del fermo.
Il ventiquattrenne, che si è detto “distrutto”, ha sostenuto anche che la madre dei bimbi: “ha tentato invano di fermarmi”; un tentativo di scagionare la donna dalle sue responsabilità, ma la sudditanza della donna verso l’uomo tunisino ha permesso nel tempo i continui maltrattamenti che i bambini subivano dall’uomo. Percosse e  lesioni morali che i bambini erano costretti a subire anche per strada davanti agli occhi di tutto il paese, tutti hanno giustificato la propria omertà con la seguente affermazione: “non eravamo in condizioni…” È il classico esempio del femminicidio… ci deve scappare prima il morto.
Nicola Valeri

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.