Quotidiano di informazione campano

Cala il sipario sulla dodicesima edizione Premio Felix che ha attribuito i riconoscimenti a Patrizia Nardi e alla Mensa Fraterna

Il Premio consiste in una simbolica campana di bronzo, con impresse le effigi di San Paolino, San Felice, e Giordano Bruno, forgiata da maestranze locali.

0

Nola – Il “Premio Felix Città di Nola” giunge alla sua dodicesima edizione. La manifestazione, come sempre promossa dall’associazione socio – culturale Gli Innamorati della Festa, si è svolta presso la suggestiva cornice della chiesa dei Santi Apostoli, giovedì 13 novembre a partire dalle ore 18,30.

Il riconoscimento intende valorizzare quanti abbiano, con il proprio talento e le proprie qualità, dato lustro alla città di Nola ed al territorio. Il Premio consiste in una simbolica campana di bronzo, con impresse le effigi di San Paolino, San Felice, e Giordano Bruno, forgiata da maestranze locali. Secondo la tradizione, infatti, la campana ad uso liturgico, sarebbe stata “inventata” a proprio a Nola da San Paolino.

La manifestazione ha aperto ufficialmente i festeggiamenti in onore di San Felice, primo Vescovo della città. Nel corso di questi anni, tanti i nomi illustri che nel campo della cultura, delle scienze, dell’arte, dello sport, hanno ricevuto il premio.

Per questa edizione la scelta è caduta su altrettanti nomi di grande valore e qualità. Si tratta della Mensa Fraterna “Locanda San Vincenzo” e di Patrizia Nardi coordinatrice del progetto Rete Italiana delle Macchine spalla.

La Mensa fraterna che quest’anno giunge al suo 25 esimo anno di attività è ormai una salda testimonianza di carità cristiana svolgendo un insostituibile servizio a favore delle fasce più deboli. A ricevere il Premio a nome dei volontari il Vescovo Beniamino Depalma che ha approfittato della circostanza per lanciare un rinnovato appello a sostegno della Mensa che vede tanti utenti senza fissa dimora. Patrizia Nardi invece ha profuso grande impegno e professionalità per il buon esito del progetto della Rete Italiana delle Macchine a spalla che ha portato anche la Festa dei Gigli a ricevere l’ambito sigillo Unesco.

A porgere gli indirizzi di saluto vi erano il sindaco di Nola Geremia Biancardi e l’assessore alla cultura Cinzia Trinchese. Ad allietare la serata alcuni momenti musicali eseguiti da Maria Magistro e Gaetano Russo.

La menzione speciale del Premio ha visto per questa edizione protagonista la dottoressa Filomena Petroni che qualche anno fa ha redatto un interessante tesi relativa al ruolo della donna all’interno della Festa dei Gigli. Alla dott.ssa Petroni ha fatto da relatore il Dott. Antonio Grilletto, nelle duplici vesti anche di addetto stampa, che ha illustrato la tesi di Laurea in Storia delle Tradizioni popolari “LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA: UNIVERSO FEMMINILE E CAMBIAMENTO” da ella discussa presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali indirizzo Demo Etno Antropologico Musica e Spettacolo (DEAMS) conseguendo la votazione di 110/110 e lode.

“Anche per quest’anno – afferma il cerimoniere del Premio, Franco Nappi – abbiamo puntato su nomi di qualità che danno lustro al nostro territorio. E’ questo l’obiettivo del Premio che intende ampliare le collaborazioni, ma anche i momenti in cui queste eccellenze nolane possano nel corso dell’anno confrontarsi con la città suggerendo proposte e fornendo ulteriori contributi per la crescita della nostra comunità”.

La serata è stata condotta dal Presidente Antonio D’Ascoli nonché direttore della testata online nonsolonola.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.