NAPOLI – «Per consentire all’economia nazionale e a quella regionale di superare l’emergenza Covid è necessario stravolgere completamente tutta la struttura di sistema degli Enti e della burocrazia italiana».

A parlare è Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli.

«La mia proposta è mettere insieme una squadra operativa che possa occuparsi totalmente di una tematica così delicata, portando a quel cambiamento che finora non c’è stato. Perché la verità è che nessuno finora si è assunto la responsabilità di seguire questo programma di riforma punto per punto, con serietà e la giusta attenzione».

«Ci sono stati – prosegue Marrone – solo tanti sterili tentativi che non hanno portato ad alcunché di concreto. Quando, invece, lavorando tutti insieme, con la reale volontà di raggiungere l’obiettivo comune, si può davvero costruire qualcosa di importante. A patto che, però, ciò avvenga non, come troppo spesso accade, a discapito degli imprenditori, che ogni giorno combattono contro i reali problemi creati da questa emergenza».

L’economia italiana che cerca di ripartire, nelle parole del numero uno di Confapi Napoli, finendo per arenarsi nelle secche di quei problemi persino antecedenti all’emergenza Covid. Quelli di una nazione paralizzata da una burocrazia che vede ancora una volta gli uffici pubblici non supportare affatto le aziende.

Il tutto nei numeri di una indagine portata avanti su circa 1.500 imprese dislocate in tutto il Paese, che sottolineano come oltre il 71% di quelle interpellate abbia indicato nella semplificazione burocratica la soluzione che il governo dovrebbe mettere al primo posto per rilanciare l’economia nazionale.

Insomma, il solito vecchio problema che incide più delle tasse (al secondo posto con il 55%) e delle difficoltà del mercato del lavoro (35%). Un peso di 30 miliardi l’anno sulle casse delle piccole e medie imprese, che in 365 giorni devono far fronte a 89 adempimenti fiscali, che a loro volta richiedono 238 ore annue per pagare le imposte, il 46% in più della media Ocse. Periodo temporale nel quale un imprenditore italiano effettua 15 versamenti al fisco: in media 6 in più di quanto avviene in Germania, 7 in Inghilterra, Francia e Spagna, 9 in Svezia. Numeri che piazzano il nostro Paese al 141esimo posto nella classifica mondiale della semplicità del sistema fiscale, ultimi in Europa.

Ecco perché il 34% richiede prestiti più facili, il 28% batte sulla necessità di una estensione del sistema dell’autocertificazione e quasi il 27% ritiene necessario rendere automatica la compensazione fra crediti e debiti verso le amministrazioni.

Ma le uniche risposte ottenute finora sono stati palliativi quali la sospensione delle gare d’appalto per il 94% dei lavori pubblici. Mentre il solito intricato sistema di decreti attuativi ha fatto arenare troppe norme approvate dal parlamento. Basti pensare che a fine luglio ce n’erano 885 ancora da emanare in tutte le materie.

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com