CARRARA. Ha ucciso un carabiniere per vendetta, perchè secondo lui quel maresciallo dell’Arma aveva indagato sui suoi due figli. E proprio ieri il tribunale di Massa li aveva condannati per reati legati allo spaccio della droga. Ci ha pensato per una notte, poi stamani si è presentato a casa del maresciallo nel centro storico di Carrara: Roberto Vignozzi, 72 anni, ex postino, ha sparato un solo colpo di pistola centrando al cuore la vittima, Antonio Taibi, 47 anni, palermitano, che è stramazzato a terra morendo all’istante.
La moglie era in casa e aiutava i due figli del maresciallo a prepararsi per andare a scuola. «Sono un professore di musica, può scendere un attimo che le devo parlare?»: così al citofono l’anziano ha parlato al maresciallo che è sceso nell’androne del palazzo dove abitava al terzo piano. Vagnozzi ha aperto il fuoco con una pistola 9×21 regolarmente denunciata.

«Non volevo ucciderlo»: dirà poi in caserma aggiungendo che «quel carabiniere con le sue indagini aveva rovinato i miei figli». Due figli nati dalla convivenza con una compagna dominicana e finiti poi nei guai giudiziari per questioni di droga. Uno dei due, tra l’altro, sarebbe rimasto coinvolto anche nelle indagini su alcune rapine compiute da ‘Diabolik’, un uomo con il volto coperto da un passamontagna nero che lasciava scoperti solo gli occhi.
Sono state alcune donne delle pulizie, stamani, ad accorrere e a trovare il militare ormai morto. Vani tutti i tentativi di soccorso da parte del 118, mentre sul luogo dell’omicidio sono arrivati anche i carabinieri colleghi della vittima. Vignozzi, dopo aver sparato, si sarebbe allontanato ancora armato ma si è costituito poco dopo in procura a Massa.
Taibi molti anni fa avrebbe indagato sui figli di Vignozzi. Quest’ultimo attribuiva all’attività operativa del maresciallo l’inizio dei guai giudiziari dei figli stessi. Da qui il progetto terribile di eliminare il carabiniere. Un omicidio che lascia sotto choc la città del marmo. Il maresciallo Taibi, originario di Palermo dove era conosciuto come ‘il gigante buono’, era uno degli uomini migliori del Comando provinciale dell’Arma. Da vent’anni operava a Massa e Carrara. Importanti operazioni antidroga gli avevano permesso di ottenere diversi encomi.
Il processo e la condanna di ieri hanno fatto traboccare il vaso agli occhi dell’anziano padre dei due fratelli e, anche se Taibi non aveva avuto alcun ruolo, Vignozzi ha maturato la folle idea della vendetta. Quando si è presentato con una scusa il maresciallo che ancora in tuta da ginnastica e si stava preparando per indossare la divisa e recarsi al comando provinciale di Massa.
Sul luogo dell’assassinio il procuratore Aldo Giubilaro col sostituto Alberto Dello Iacono. Sono arrivati anche i Ris da Parma. La salma è stata rimossa dopo alcune ore e trasportata all’obitorio dell’ospedale Versilia a Lido di Camaiore. Unanime il cordoglio delle più alte istituzioni a cominciare dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mentre il comandante generale dell’ARma Tullio Del Sette ha portato l’omaggio dei carabinieri all’obitorio dell’ospedale Versilia dove si trova la salma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio