Quotidiano di informazione campano

Carnevale in campania oltre Palma Campania e Saviano

VI METTIAMO A SCELTA PER DIVERTIRVI A CARNNEVALE

Vi state chiedendo cosa fare quest’anno per la festa tripudio di tutte le maschere? Per trascorrere il vostro Carnevale in Campaniac’è l’imbarazzo della scelta.Nei paesi piu’ vicini del nolano abbiamo PALMA CAMPANIA CON LE STORICHE QUADRIGLIE.E SAVIANO COME SEMPRE CON OLTRE 11 CARRI ALLEGORICI

IL DIVERTIMENTO E ASSICURATO SCEGLIETE VOI

Tra i Carnevale in Campania, bisogna annoverare quello di Caiazzo, in provincia di Caserta, è soprannominato Carnevale In Carriola: organizzato dalla locale Pro Loco, è un appuntamento ormai fisso e atteso da tutti i campani.

Il Carnevale In Carriola è così chiamato perché tutti i partecipanti intervengono – se lo desiderano, ovviamente – portando con sé una carriola.

Non ci sono testimonianze storiche relative a questa tradizione, che quindi è da considerarsi piuttosto recente.

Per il Carnevale di Caiazzo non è previsto l’intervento di maschere particolari: la cittadina casertana, infatti, non si caratterizza per personaggi tipici.

Di conseguenza, le maschere caratteristiche sono quelle della Campania: Pulcinella, che pure è napoletano e non casertano, ma anche Scaramuccia e Tartaglia.

Quest’ultimo è un dottore piuttosto corpulento e dai modi di fare goffi, con la testa rasa, senza barba e senza baffi: il suo nome deriva, ovviamente, dalla balbuzie che lo contraddistingue.

Si tratta, quindi, di un personaggio alquanto divertente – anche se fa ridere contro il suo volere -: una comicità che è amplificata anche dalla notevole miopia con cui deve fare i conti.

Questa maschera propone un mantello verde con strisce gialle, occhiali verdi e collare bianco.

Per quel che riguarda Scaramuccia, invece, si tratta di un capitano vanaglorioso e sbruffone, un po’ fanfarone, il cui abbigliamento riprende quello degli spagnoli che prestavano servizio a Napoli: porta sempre con sé una spada o una chitarra.

Il Carnevale di Caiazzo è un evento molto atteso per la sua capacità di coniugare i festeggiamenti dedicati ai bambini con eventi che coinvolgono gli adulti: gran parte del merito va attribuita, da questo punto di vista, alla Pro Loco di Caiazzo, che si impegna anno dopo anno con enorme dedizione e passione per la riuscita.

Capua, tra i centri più belli e ricchi di storia del casertano e dell’intera Campania, diventa in febbraio città del Carnevale per antonomasia, attirando turisti da tutta la regione.

Ancora, tra gli altri Carnevale in Campania, ricordiamo quello di Capua, sempre provincia di Caserta, che infatti, è una manifestazione piuttosto antica, giunta nel 2018 ormai alla sua 132esima edizione, ed è una grande espressione della cultura popolare del luogo.

La storia di questo carnevale risale dunque al 1886, quando si decise di unire le sfarzose feste carnevalesche dei nobili – che sin dal Medioevo si tenevano nei saloni dei grandi palazzi – alle ben più modeste trovate popolari di estrazione plebea, ma non di meno suggestive.

Ebbe quindi vita una grande festa a base di carri allegorici, balli, canti satirici chiamati “cicuzze” e mascherate a tema vario: dalla “sfiducia ai medici e lo sciopero degli infermi”, alla mascherata degli “abitanti della Luna”; le tematiche affrontate furono molteplici e si inaugurò così una splendida tradizione piena di folclore e vita popolare.

La maschera realmente protagonista di questo Carnevale era ed e tutt’ora quella del Re Carnevale, un personaggio che, dopo aver ricevuto in consegna dal sindaco, o da chi per lui, le chiavi della città, si reca in piazza a declamare con ironia e profondo spirito di critica tutte le malefatte che i pubblici amministratori avrebbero commesso durante l’anno.

Una tradizione piuttosto controversa, questa della critica sociale, che però non è mai stata messa in discussione in quanto rappresentava storicamente l’unico momento a disposizione del popolo per ribellarsi al potere e denunciarne le prepotenze, una consuetudine di appagante rivalsa collettiva che continua come ogni anno a tenere banco e a conferire a questo Carnevale un sapore particolarmente folcloristico.

Altro tra gli eventi da tenere a mente per il Carnevale in Campania è il Carnevale di Flumieri (Avellino).

Dedicato alle bambine e ai bambini, torna anche quest’anno il Carnevale organizzato dall’Associazione Bagliori di Luce, appuntamento con la sfilata del carro allegorico Domenica 11 Febbraio.

Ancora poi, abbiamo il Carnevale di San Michele Serino(Avellino).

Torna con il suo carico di divertimento il Carnevale Sammichelese, appuntamento da Domenica 11 a Martedì 13 Febbraio 2018.

Infine vi segnaliamo il Carnevale di Colle Sannita(Benevento).

Nona edizione per il Carnevale Collese: le sfilate dei carri allegorici sono in programma Domenica 11 e Martedì Grasso 13 Febbraio. PER SAPERNE DI PIU’ CHIAMATECI A RADIO ANTENNA CAMPANIA 3477557249

I commenti sono chiusi.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.