Quotidiano di informazione campano

CASALAURO ABBANDONATA NONOSTANTE LE RICHIESTE DI INTERVENTO DEI CITTADINI RISALENTI AL 2009 E GLI IMPEGNI PRESI DAGLI ATTUALI AMMINISTRATORI COMUNALI: CHE VERGOGNA

0

Nei giorni scorsi con un dettagliato servizio giornalistico abbiamo denunciato la presenza in Via Antonio De Luca, la strada che nel Comune di Ischia attraversa Casalauro, di sporcizia, erbacce e piante selvatiche che la fanno da padrone lungo gran parte del suo percorso. Inoltre abbiamo messo l’accento sulla mancata pulizia dei pozzetti per la raccolta e il deflusso dell’acqua piovana che risultano ricolmi di terriccio e fogliame. Per non parlare poi della grossa griglia di raccolta dell’acqua piovana presente a metà strada che risulta instabile da sempre e che al passaggio delle auto crea un incredibile fracasso che spesso, oltre a dar fastidio di pomeriggio durante la controra in modo particolare ad anziani e bambini abituati alla pennichella pomeridiana, rende snervanti e spesso insonni le nottate per le decine di famiglie che vivono nei paraggi. Si tratta di problematiche che come si suole dire potrebbero essere risolte dalla sera al mattino con semplicissimi interventi di ordinaria manutenzione e che invece risultano irrisolte da anni. E pensare che nel lontano 11 novembre 2009, in occasione dei lavori che interessarono la zona, ci fu un incontro tra i cittadini di Casalauro e gli amministratori comunali che garantirono i necessari interventi di ordinaria manutenzione come ci ha riferito Ennio Anastasio. Sindaco Giosi Ferrandino e amministratori comunali tutti, dobbiamo attendere la prossima campagna elettorale per le amministrative quando per gettare un po’ di fumo negli occhi degli elettori si dà una sistematica al Paese o pensate che sia finalmente giunto il momento di mettere in essere in via Antonio De Luca i necessari interventi di ordinaria manutenzione per liberare la strada dalle erbacce, pulire i pozzetti di raccolta delle acque piovane e frenare la griglia ballerina che produce assordanti rumori al passaggio delle auto?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.