Quotidiano di informazione campano

CASO LA CITTA’, IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA TACE. VENGONO PRIMA GLI AFFARI DI FAMIGLIA.

Sul caso del quotidiano La Città, tra i grandi assenti della politica che hanno evitato di esprimersi e di assumere un impegno concreto in difesa dei giornalisti del quotidiano La Città, spicca il nome del Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

“Prendiamo atto che il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia invece di esprimere vicinanza ai lavoratori licenziati e bacchettare le aziende che inquinano il mercato del lavoro, continua a stampare il quotidiano La Città presso l’azienda di famiglia Arti Grafiche Boccia di cui è Amministratore Delegato, consapevole che il giornale è ricomparso nelle edicole dopo la sospensione, con una redazione totalmente rinnovata e costruita a piacimento dell’editore e della proprietà – commenta Davide Trezza del coordinamento nazionale di Potere al Popolo e alla guida di Pap Salerno – Uno schiaffo vergognoso alla dignità e ai diritti dei giornalisti. E se Confindustria non spende neppure una parola su quanto accaduto, se il suo presidente è socio in affari con una società che sta impoverendo l’informazione sana, vuol dire che si riconosce implicitamente complice di dinamiche e di giochi di potere che con il diritto al lavoro e con l’impresa non hanno nulla a che fare. Saremo sempre al fianco della redazione che per 23 anni ha costruito l’identità della provincia di Salerno e continueremo questa battaglia anche nelle prossime settimane”.

Domenica mattina Potere al Popolo ha distribuito sul Corso Vittorio Emanuele a Salerno la pagina di “A Testa Alta”, scritta dai giornalisti del quotidiano La Città licenziati dall’editore che ha sciolto la società, per poi riaprirne una nuova che edita il giornale con lo stesso nome ma con altri dipendenti. Una manovra che sembra più una meticolosa epurazione di tutti i giornalisti poco inclini a subire inaccettabili ricatti salariali e occupazionali. Il foglio è stato diffuso anche in altri comuni della provincia e raccontal’incredibile storia di 18 autorevoli professionisti che in questi anni hanno contribuito all’informazione di un’intera provincia e a cui è stato negato il diritto al lavoro. Al presidio hanno partecipato anche altre importanti lotte per il lavoro sul territorio come i lavoratori Italcementi di Salerno e quelli della Treofan dello stabilimento di Battipaglia che hanno in comune con i giornalisti del quotidiano l’ex proprietà in capo a Carlo Di Benedetti.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.