Quotidiano di informazione campano

CLAMOROSO A FORIO: IL Consigliere di maggioranza NICOLA NICOLELLA accusa il Sindaco DEL DEO.

Nicola Nicolella accusa Del Leo di aver ardito un complotto contro di lui.I CARABINIERI chiedono l'aquisizione dell'intervento durante il consiglio comunale.

0

Sulla richiesta avanzata dall’Arma dei Carabinieri nel corso del Civico consesso sono intervenuti i Consiglieri comunali di opposizione chiedendo chiarimenti al sindaco sulle circostanze della richiesta, considerato che le Forze dell’Ordine non posso essere presenti all’interno della sala consiliare. Vito Iacono ha parlato di interferenza irrituale, mentre Domenico Savio ha affermato: “Si addensano molte ombre sulla vita amministrativa del Paese”.

Tensione alle stelle nel corso del Consiglio comunale di Forio, tenutosi presso la scuola elementare “Luca Balsofiore” dalle ore 9,00 di sabato 21 giugno 2014. In un’aula “surriscaldata” dalla calura estiva e talmente piccola da essere risultata vergognosamente insufficiente a contenere i cittadini accorsi ad assistere ai lavori del Civico consesso, ripetuti colpi di scena ne hanno caratterizzato lo svolgimento. A partire dall’intervento del Consigliere Nicola Nicolella, eletto tra le file dell’attuale maggioranza amministrativa, che ha accusato il Sindaco Francesco Del Deo perché avrebbe ordito un complotto contro di lui, al fine di mettere nell’angolo un personaggio politico divenuto ormai scomodo. L’intervento di Nicolella, che subito dopo ha abbandonato l’aula, si è concluso con toni accesissimi. Poco dopo, mentre si cominciavano a discutere i punti posti all’ordine del giorno, il sindaco comunicava ai Consiglieri comunali che i Carabinieri avevano chiesto l’acquisizione delle dichiarazioni rese da Nicolella e che le stesse sarebbero state trasmesse al Capitano della Compagnia dell’Arma dei Carabinieri di Ischia. La comunicazione del sindaco Francesco Del Deo ha fatto registrare un dura reazione da parte dei Consiglieri comunali di opposizione. Vito Iacono, Consigliere comunale de “Il Volo”, ha parlato chiaramente di interferenza irrituale mentre Domenico Savio, Consigliere comunale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, oltre a sottolineare anch’egli  l’irritualità di quanto stesse accadendo e a ricordare gli episodi inquietanti che ha subito nelle sedute precedenti quando il Presidente del Consiglio Michele Regine lo fece avvicinare dai Vigili Urbani minacciandolo persino di farlo allontanare dall’aula, ha sostenuto che a Forio “Si addensano molte ombre sulla vita amministrativa del paese”. Nicola Nicolella non è nuovo a dichiarazioni al vetriolo contro l’Amministrazione di Francesco Del Deo, che probabilmente ora verranno verificate dalla Magistratura. Infatti nella penultima seduta del Consiglio comunale l’Avvocato eletto nella lista di “Gente Comune” aveva finanche parlato di presunte ruberie. Le pesanti dichiarazioni dell’Avvocato Nicolella vanno ad aggiungersi alla situazione politica e sociale di malgoverno in cui si versa il Paese a oltre un anno dalla elezione dell’Amministrazione Del Deo, che sino a questo momento si è distinta soprattutto per immobilismo e autoritarismo. Ma non è tutto. Le maggiori nubi che si addensano sull’operato dell’attuale amministrazione comunale, così come da mesi sottolineano i Consiglieri comunali di opposizione, riguardano le incomprensibili scelte delle passate e della presente Amministrazione sulla gestione delle strisce blu, delle aziende partecipate dal Comune, del porto e della mancata revoca della delibera approvata dalla passata Amministrazione appena tre giorni prima delle ultime elezioni amministrative, che autorizzava la realizzazione di una pompa di carburanti alla base del molo di sottoflutto, vicino all’area scelta per il depuratore e poi dall’attuale Amministrazione spostata nel piazzale ANMI, del fitto dell’ex Hotel “Green Flash”, eccetera. Va anche ricordato l’inquietante episodio, di stampo camorristico, delle due imbarcazioni affondate di notte nel porto da ignoti qualche mese fa. E che dire delle mancate risposte dell’Amministrazione alle tante interrogazioni presentate da Savio nel corso dell’anno trascorso. E la mancata volontà da parte degli amministratori di discutere di questi temi in Consiglio comunale? Come vedete le nubi nere che continuano ad addensarsi sulla gestione del potere amministrativo a Forio cominciano ad essere davvero tante. E c’è chi in Paese, oltre alle indagini già in corso della Magistratura, auspica addirittura un’indagine a tutto campo della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, organismo dello Stato la cui attività investigativa può  portare anche allo scioglimento del Consiglio comunale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.