Quotidiano di informazione campano

COGLIE NEL SEGNO LA DENUNIA DI GENNARO SAVIO IN DIFESA DEL DIRITTO ALLA MOBILITA’ DEI DIVERSAMENTE ABILI: IN VIA REMIGIA GIANTURO I PALI DELLA LUCE NON SARANNO PIAZZATI AL CENTRO DEL MARCIAPIEDE

Dopo la denuncia al Prefetto finalmente si è deciso di evitare una nuova vergogna

0

Nelle settimane scorse con un dettagliato servizio giornalistico ci soffermammo sulla realizzazione, in via Remigia Gianturco, nel centro storico di Ischia, di un marciapiede ex novo alle cui estremità erano stati creati gli scivoli per dare la possibilità alle carrozzine dei disabili di accedervi, però, incredibile a dirsi, denunciammo il fatto che alcuni pali della pubblica illuminazione sarebbero stati vergognosamente collocati ad una distanza dal bordo del marciapiede stesso che non avrebbe dato la possibilità ai diversamente abili di poterlo percorrere. E a tal proposito presentammo un dettagliato esposto al Prefetto, all’ASL, all’Ufficio Tecnico e ad altre Autorità dello Stato con la speranza che si potesse almeno in questo caso garantire il diritto alla mobilità dei diversamente abili. Ebbene, proprio da poco siamo venuti a conoscenza che a seguito del nostro esposto, finalmente l’amministrazione comunale ha deciso di correre ai ripari e di evitare la vergogna sociale della realizzazione di un ennesimo marciapiede con tanto di barriere architettoniche rappresentate dai pali della luce i quali, al contrario di come era stato progettato, non saranno collocati al centro di esso ma sotto i muretti. E a dimostrazione di quanto ci è stato riferito, la settimana scorsa sono state otturate le buche che erano state realizzate al centro del marciapiede e in cui avrebbero dovuto essere collocati i pali della pubblica illuminazione. Buche lasciate vergognosamente e pericolosamente scoperte e non segnalate e che per questo sono state anche causa di un episodio di cronaca che ha visto protagonista una ragazza di quindici anni la quale, finita in una di esse, nei giorni scorsi rimediò ben quindici punti di sutura alla gamba. L’augurio, naturalmente, è che a seguito della variante in corso d’opera decisa, finalmente dopo i lavori le carrozzine potranno transitare lungo il marciapiede di via Gianturco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.