Quotidiano di informazione campano

Come prendersi cura dei nostri amici a quattro zampe

0

A volte si commette il grave errore di pensare che se un determinato alimento non fa male a noi, non sarà nocivo nemmeno per il nostro cane, in realtà non cè nulla di più sbagliato. Molti cibi che a noi fanno bene, o comunque non fanno male, per  un cane possono essere addirittura tossici. Ecco, qui di sotto riportati alcuni alimenti suggeriti e, altri da evitare assolutamente.

Alimenti sani

Verdure e ortaggi: forniscono ai nostri animali carboidrati, vitamine e minerali. Ma cotta è più digeribile. Sono maggiormente consigliate invece zucchine, carote e patate. Uova: sono un’ottima fonte proteica, ma si raccomanda  di somministrarle al cane cotte e non più di una o due volte alla settimana . Formaggi freschi: un cane può mangiarli solo se magri, per esempio ricotta e mozzarella. Altrettanto ben visti sono gli yogurt, che regolarizzano l’intestino. Riso e Pasta: (carboidrati) devono essere somministrati ben cotti. Latte: contiene moltissimo calcio e quindi per i cuccioli è un alimento indispensabile. Bisogna fare molta attenzione nel somministrare latte vaccino ai nostri animali. Se il cane lo ha assunto fin dallo svezzamento non ha problemi ma se viene dato occasionalmente può provocare episodi di dissenteria anche molto gravi. Il latte, infatti, contiene uno zucchero, il lattosio, che per essere digerito richiede l’intervento di un enzima, la lattasi, che non è presente nell’intestino del cane quindi il latte non può essere digerito e assimilato. Pesce: è un ottimo alimento ma non  deve essere mai dato al cane crudo e deve essere completamente privo di lische. Olio: è importante la giusta dose (senza esagerare) di grassi d’origine vegetale, che si trovano nell’olio d’oliva e nell’olio di semi, da mischiare agli alimenti. Pane: qualche pezzo di pane non fa male (ma non esagerare con cibi che non siano stati studiati appositamente per cani). È meglio il pane secco perché pulisce i denti dalla placca e dal tartaro, e per i cuccioli è un ottimo massaggio per le gengive doloranti durante il cambio dei denti. Carne: i cani sono carnivori e quindi possono mangiare carne che non deve essere però lunico alimento della dieta! Può essere, infatti, sostituita un paio di volte alla settimana con altri alimenti proteici: pesce, uova e formaggio magro.

Alimenti dannosi

Uva: luva e l’uva passa possono provocare gravi problemi renali. Secondo alcuni studi, quantitativi compresi tra i 250 e i 900 grammi possono essere anche letali. Caramelle:  le caramelle spesso contengono lattosio, difficile da digerire per il cane. Cipolle: sono apprezzate dai cani, ma sono per loro molto nocive, velenose. Aglio: (crudo, cotto, o in polvere) è tossico più della cipolla. Può alterare la capacità di trasportare l’ossigeno da parte dei globuli rossi. Solo quantitativi piuttosto bassi come quelli che si trovano nei cibi per cani e gatti non danno problemi. Noci di Macadamia:  Possono essere tossiche anche a basse dosi (4-5 noci per un cane di 10 kg). Cioccolato: contiene la teobromina, una sostanza che non viene metabolizzata dal cane (e dal gatto). Questo componente tossico si accumula nel sangue causando gravi effetti sull’organismo. Il cioccolato, inoltre contiene un’altra sostanza che in combinazione con la teobromina dà effetti letali. I sintomi dell’intossicazione, che si manifestano nel giro di qualche ora dall’ingestione, sono vomito, diarrea, iperattività, aumento del ritmo cardiaco, respiro affannato, tremori, crisi convulsive, perdita di coscienza, coma e morte nei casi più gravi. Insaccati: (mortadella, prosciutto crudo, salsicce, prodotti salati ed essiccati) non devono comparire sulla ‘tavola’ dei nostri amici a 4 zampe. Contengono molto sale e grassi, che sono dannosi per il cane. Inoltre possono essere fonte di infestazione di toxoplasmosi. Caffeina: può portare gravi problemi nel cane; infatti oltre ai disturbi a livello gastrointestinale, può determinare alterazioni del ritmo cardiaco e, nei casi più gravi, ictus. Sale: l’eccesso di sale non è buona cosa per gli animali, proprio come per l’uomo.  L’eccessiva quantità di sale può scatenare attacchi epilettici che portano al coma e alla morte. Pomodori acerbi Foglie e germogli di patate:  Pomodori e patate contengono inoltre una tossina chiamata solanina che i cani, a differenza degli esseri umani, non metabolizzano. Queste sostanze possono quindi creare problemi a carico dell’apparato digerente, tachicardia, tremori affanno e irrequietezza. Zucchero: l’apporto di zuccheri è importante sia come fonte d’energia rapidamente disponibile, sia come regolatore dell’attività della flora batterica. Il cane però non assimila tutti gli zuccheri con facilità. Nessun problema per glucosio e saccarosio (lo zucchero comune), mentre ha difficoltà a digerire il lattosio (spesso presente in merendine e biscotti). L’eccessivo apporto di zuccheri può provocare l’insorgenza di alcune patologie come per esempio il diabete mellito. Cibi grassi: i grassi sono indispensabili per l’organismo. Tuttavia, nella dieta del cane non devono superare il 10%; gli eccessi portano solo all’obesità e predispongono l’animale a una serie di malattie (es. pancreatite) e a una vecchiaia precoce. Il tutto è riferito a tutte quelle persone che scelgono di somministrare al proprio cane cibi solitamente consumati per luomo tuttavia bisogna considerare il fatto che attualmente sono in commercio numerosi cibi studiati e venduti appositamente per cani che bisognerebbe altresì fornire al proprio amico a quattro zampe!

Dott.ssa  Antonietta Lettera

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.