Quotidiano di informazione campano

Conferenza stampa di presentazione della parte scientifica di Vesuviando,

RADIO PIAZZA CAMPANIA EVENTI

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Si è tenuta questa mattina, presso la Sede storica dell’Osservatorio Vesuviano ad Ercolano, la conferenza stampa di presentazione della parte scientifica del progetto “Vesuviando – Arte e cultura all’ombra del Vesuvio”.

Una fase che il progetto dedica alla conoscenza dei fenomeni vulcanologici che interessano il Vesuvio, onde attuare una campagna di sensibilizzazione e sapienza dell’imponente vulcano napoletano; in tal senso, l’Osservatorio Vesuviano vuol diventare fulcro di un’opera di promozione per il Vesuvio e le sue bellezze, facendo conoscere attraverso la sua storia l’importanza che il vulcano riveste per il territorio.

“È importante valorizzare questo territorio dalla cultura profonda e radicata – ha affermato il direttore dell’Osservatorio Vesuviano, Giuseppe De Natale. Con Vesuviando, di cui noi rappresentiamo la parte culturale e scientifica, dimostrata dalla grande tradizione dell’Osservatorio, primo istituto di Vulcanologia al mondo, abbiamo voluto intraprendere un percorso di comunicazione con il territorio che circonda il Vesuvio e le altre zone soggette ad attività vulcanica. Napoli è una delle città più belle al mondo, ma circondata da vulcani: per questo vogliamo stringere un più stretto contatto con la popolazione per meglio informare del rischio, che non deve essere influenzato dall’allarmismo, come avviene il più delle volte quando si parla di catastrofi naturali, ma deve essere preciso e corretto e portare ad un impiego produttivo del territorio.

Presenti alla conferenza stampa l’Assessore regionale al Turismo, Pasquale Sommese ed il consigliere regionale Michele Schiano, oltre al direttore dell’Osservatorio De Natale, il sindaco del comune di Ercolano Vincenzo Strazzullo, ed Massimo Dall’Ora, ricercatore ed astrologo dell’Osservatorio di Capodimonte.

Presenti anche i rappresentanti dei comuni coinvolti: oltre al primo cittadino di Ercolano, hanno partecipato anche l’Assessore al Turismo di Pompei Sonia Palomba, il Sindaco di Trecase Raffaele De Luca, il Presidente del Consiglio di San Giuseppe Vesuviano Aniello De Lorenzo, e l’Assessore alla Cultura del comune di Ottaviano Marilina Perna.

La conferenza è stata anche una buona occasione per tracciare un primo bilancio della manifestazione: soddisfatto l’Assessore Pasquale Sommese, che ha voluto sottolineare come l’Unione Europea punta a progetti di qualità, attraverso l’unione e messa in rete degli Enti: “Vesuviando, un progetto che mette insieme cinque comuni-cornice del Vesuvio, è un progetto che ha come obiettivo esaltare i luoghi, dove gli elementi artistici nelle varie comunità diventano dimostrazione del grande patrimonio del Vesuvio. Oggi la Comunità Europea premia con grandi investimenti la valorizzazione di queste macroaree, con una messa in rete dei Comuni indispensabile per riscoprire queste zone piene di bellezze, ma che non riescono ad uscire da una fase di inerzia”.

Intanto, domenica 28 settembre l’Osservatorio sarà protagonista di due suggestivi eventi: si comincerà con la rappresentazione teatrale dell’Eruzione del Vesuvio del 1944, curata dall’associazione NarteA, mentre la serata proseguirà con il concerto jazz di Karima Hammar.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.