Quotidiano di informazione campano

Consensi unanimi per Arturo Sepe e la Intrat Ensemble all’auditorium di Montesarchio

Sette Maestri concertisti e una voce recitante, quella dell'artista bruniano Arturo Sepe, si esibiscono sulle note delle musiche di Sergej Prokofiev, uno dei più grandi musicisti Russi del Novecento.

0

L’Intrat Ensamble e l’attore nolano Arturo Sepe, hanno allestito uno spettacolo originale capace di affascinare le platee di ogni genere e gusto artistico. Già suggestivo il titolo: “Pierino e il lupo … ai piedi del Vesuvio”.

Una miscela esplosiva di satira, commedia dell’arte e musica di ottimo livello, caratterizza questo show atipico diretto e interpretato da Arturo Sepe, capace di trascinare e traghettare lo spettatore dalla ‘fredda’ ex Unione Sovietica alla ‘calda’ e ‘colorata’ Napoli con tutti i suoi usi e costumi, creando un’atmosfera esilarante, di assoluto gradimento, al punto da procurare applausi continui, a scena aperta, così come è avvenuto nell’esibizione presso l’auditorium di Montesarchio, quando la ‘standing ovation’ finale, ha testimoniato il massimo indice di gradimento.

Sette Maestri concertisti e una voce recitante, si esibiscono sulle note delle musiche di Sergej Prokofiev, uno dei più grandi musicisti Russi del Novecento, passando, in modo originale e rocambolesco, dalle musiche della tradizione partenopea a quelle russe del Prokofiev.

Due violini: Carmine Ianniciello e Marzia De Biase; una viola: Fabio D’Amore: un violoncello: Gianluca D’Alessio; un contrabbasso: Roberto Leone; un oboe: Domenico Rinaldi; un flauto: Vittorio Coviello e una voce recitante: Arturo Sepe … si intrecciano in un’incantevole esecuzione e uno spettacolare allestimento, facendo rivivere le emozioni del passato, dando vita a personaggi e paesaggi contestualizzati nella realtà in cui viviamo.

Napoli e i suoi luoghi comuni fanno da scenario all’entusiasmante favola e rendono protagonisti i suoi pittoreschi personaggi con sagacia tecnica e bravura interpretativa non comune.

Ed è qui che sorge un amletico dubbio: “… E se Prokofiev fosse nato a Napoli???”. Ne avremmo viste delle belle!

Erika Sito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.