Quotidiano di informazione campano

Conte riceve l’incarico e annuncia: “Sarà un governo di novità”. La sfida a M5S e Pd: ora vuole ministri suoi

UN AVVOCATO PER LA SECONDA VOLTA DALLE STALLE ALLE STELLE

ROMA – Giuseppe Conte ha cinque giorni di tempo per formare il suo nuovo governo e sciogliere la riserva nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ma la strada resta in salita, anche perchè non sarà affatto facile mediare tra Cinquestelle e Pd, fino a ieri acerrimi nemici e ancora molto distanti su questioni incandescenti come quelle dell’immigrazione e del taglio dei parlamentari. Senza dimenticare la quota 100, la Tav, il reddito di cittadinanza, la manovra.Il professore pugliese ha spiegato ieri che vuole un governo “per” e non “contro”. La sfida è far accettare ai democratici la sua presunta terzietà. Per scegliere personalmente la squadra e rendersi autonomo anche dal Movimento.POLITICA ITALIANA CHE SUCCEDERA’

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.