Quotidiano di informazione campano

CORO VIRTUALE – O SOLE MIO, GLI AUGURI DEL CORO LIRICO SICILIANO

«L'arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l'avvenire»30 Artisti del Coro Lirico Siciliano hanno registrato - ciascuno da casa sua - un video di questo inno universale alla bellezza e alla gioia pura.Tutti i video insieme hanno contribuito a creare un lavoro emozionante che vuole dare speranza, luce e gioia in questo momento buoi della storia dell'umanità

Non poteva mancare il Coro Lirico Siciliano, col suo Maestro del Coro Francesco Costa e il suo Presidente Alberto Munafò Siragusa, che attraverso i suoi artisti si unisce alla voce di tanti altri artisti del mondo che hanno voluto esprimere un senso di vicinanza a quanti stanno vivendo un momento di particolare passione dovuta alla emergenza sanitaria che sta piegando tutti i paesi del mondo.

Una voce che vuole infondere speranza, luce, gioia in un momento buio della storia dell’uomo, che parla di sole, serenità dopo la tempesta, di bellezza e di faro, con la certezza – nel cuore e nell’anima – che la cultura e l’arte possano e debbano essere i traghettatori dell’umanità verso un mondo migliore, che – ce ne accorgiamo oggi più che mai – è possibile e vicino.
Arriva dalla Sicilia  – terra di bellezze impareggiabili – questo grido di speranza, che coinvolge artisti che – da ogni parte dell’Isola – si sono uniti a colleghi e amici presenti in molte regioni italiane e diverse parti del mondo.

4 marzo 2020: un giorno che ha cambiato le nostre vite, costringendo tutti a fare i conti con se stessi, con le debolezze e fragilità di una umanità che – per troppo tempo – ha pensato di essere invincibile.
L’Italia ha pianto migliaia di suoi figli, caduti in una guerra senza quartiere combattuta da un nemico infìdo e invisibile; donne e uomini che non hanno potuto avere nemmeno il conforto dei propri cari e di una preghiera nel momento di lasciare questo mondo.

Ma la terribile crisi sanitaria ha permesso di portare alla luce la capacità degli italiani di reagire, contrapponendo alla morte e al silenzio – rotto solo dalle sirene delle ambulanze – un urlo muto ma potentissimo, fatto solidarietà, spirito di sacrificio, abnegazione ed eroismo di tanti semplici cittadini, oltre che di medici, infermieri, volontari.

Oggi, a distanza di più di un mese da quel maledetto 4 marzo, vogliamo portare un messaggio non solo di speranza e gioia, ma di determinazione e consapevolezza che anche un nemico così subdolo si può combattere e la guerra si può vincere!
 Con la gioia nel cuore e con tutta l’anima dedichiamo al mondo – di cui, fieri italiani, ci sentiamo cittadini – questo inno universale:
Che bella cosa una giornata di sole
un’aria serena dopo una tempesta​
per l’aria fresca pare già una festa​
Che bella cosa una giornata di sole

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.