Quotidiano di informazione campano

Corsa contro il tempo per salvare Emanuele

0

Corsa contro il tempo per salvare la vita ad EmanueleScifo. I medici gli hanno dato un anno di vita a causa di una malattia rarissima e lunica soluzione sarebbe per lui sottoporsi ad unoperazione negli Usa. Lunico problema è che lintervento costa circa un milione di dollari (intorno ai 900mila euro) e non sarà possibile comunque eseguirlo se il ragazzo andrà sotto il peso dei 40 chili. A causa della malattia Emanuele continua a dimagrire e dai 98 chili che pesava quando gli è stata diagnosticata è sceso a 44 chili. In meno di tre mesi potrebbe andare sotto la soglia dei 40 chili che renderebbe impossibile lintervento. La raccolta fondi è già iniziata, coinvolgendo Battipaglia e molte città del Salernitano, in particolare nel Cilento. Ma i soldi raccolti sono ancora troppo pochi.

Emanuele ha 33 anni e per nutrirsi deve sottoporsi quotidianamente ad infusioni notturne di 12 ore. Infermiere di Battipaglia, lotta da otto anni contro la pseudo ostruzione intestinale cronica, aggravata da una gastroparesi che gli impedisce di assorbire la nutrizione, una patologia di solito congenita che gli è stata diagnosticata nel 2005 quando ha iniziato a perdere inspiegabilmente peso, passando dai 98 chili agli attuali 44.

«Dimagrivo pur mangiando – spiega Emanuele – Nel 2005 i medici del Suor Orsola di Bologna, che oggi mi seguono, mi hanno operato per un intervento esplorativo, per capire quale fosse il problema. Nel 2010 mi è stata tolta una parte di intestino, e a luglio del 2013 è stata eliminata una parte dello stomaco. Ma continuavo e continuo a dimagrire». L’unica soluzione è un trapianto multiviscerale: stomaco, intestino, duodeno, pancreas e milza. Attualmente è inserito in una lista d’attesa a Bologna ma i tempi sono lunghissimi perché la donazione degli organi continua a essere sottovalutata. È stato indirizzato al Jackson Memorial Hospital di Miami, dove i tempi sono molto più veloci e l’incidenza dell’intervento più alta. Ma la cifra richiesta è di un milione di dollari. L’unica alternativa, secondo i medici che lo seguono, è un altro anno di vita.

Per raccogliere i fondi si è rivolto, insieme alla fidanzata Maria, ad amici, associazioni, enti. Qualcuno ha risposto, in verità pochi, e i giorni scorrono senza che ci sia nemmeno avvicinati alla cifra necessaria. «Mi vergogno quasi, in questo momento di crisi, a chiedere un aiuto economico dice Emanuele ma è l’unica scelta per aiutarmi a vivere. Se non dovessi raggiungere la cifra o se non dovessi farcela farò devolvere tutto in beneficenza. Ma questa è la mia unica occasione. Qualsiasi aiuto, anche piccolo, è un grande regalo per me». Figlio di un dipendente delle Ferrovie e di una casalinga, Emanuele non ha grandi risorse economiche. È nato un comitato, Una corsa contro il tempo per Emanuele onlus, per raccogliere i fondi necessari allintervento. Si può donare anche presso bar, negozi, attività commerciali dove sono presenti dei contenitori.

di Francesco Piccolo La  Citta

Corsa contro il tempo per salvare la vita ad EmanueleScifo. I medici gli hanno dato un anno di vita a causa di una malattia rarissima e lunica soluzione sarebbe per lui sottoporsi ad unoperazione negli Usa. Lunico problema è che lintervento costa circa un milione di dollari (intorno ai 900mila euro) e non sarà possibile comunque eseguirlo se il ragazzo andrà sotto il peso dei 40 chili. A causa della malattia Emanuele continua a dimagrire e dai 98 chili che pesava quando gli è stata diagnosticata è sceso a 44 chili. In meno di tre mesi potrebbe andare sotto la soglia dei 40 chili che renderebbe impossibile lintervento. La raccolta fondi è già iniziata, coinvolgendo Battipaglia e molte città del Salernitano, in particolare nel Cilento. Ma i soldi raccolti sono ancora troppo pochi.

Emanuele ha 33 anni e per nutrirsi deve sottoporsi quotidianamente ad infusioni notturne di 12 ore. Infermiere di Battipaglia, lotta da otto anni contro la pseudo ostruzione intestinale cronica, aggravata da una gastroparesi che gli impedisce di assorbire la nutrizione, una patologia di solito congenita che gli è stata diagnosticata nel 2005 quando ha iniziato a perdere inspiegabilmente peso, passando dai 98 chili agli attuali 44.

«Dimagrivo pur mangiando – spiega Emanuele – Nel 2005 i medici del Suor Orsola di Bologna, che oggi mi seguono, mi hanno operato per un intervento esplorativo, per capire quale fosse il problema. Nel 2010 mi è stata tolta una parte di intestino, e a luglio del 2013 è stata eliminata una parte dello stomaco. Ma continuavo e continuo a dimagrire». L’unica soluzione è un trapianto multiviscerale: stomaco, intestino, duodeno, pancreas e milza. Attualmente è inserito in una lista d’attesa a Bologna ma i tempi sono lunghissimi perché la donazione degli organi continua a essere sottovalutata. È stato indirizzato al Jackson Memorial Hospital di Miami, dove i tempi sono molto più veloci e l’incidenza dell’intervento più alta. Ma la cifra richiesta è di un milione di dollari. L’unica alternativa, secondo i medici che lo seguono, è un altro anno di vita.

Per raccogliere i fondi si è rivolto, insieme alla fidanzata Maria, ad amici, associazioni, enti. Qualcuno ha risposto, in verità pochi, e i giorni scorrono senza che ci sia nemmeno avvicinati alla cifra necessaria. «Mi vergogno quasi, in questo momento di crisi, a chiedere un aiuto economico dice Emanuele ma è l’unica scelta per aiutarmi a vivere. Se non dovessi raggiungere la cifra o se non dovessi farcela farò devolvere tutto in beneficenza. Ma questa è la mia unica occasione. Qualsiasi aiuto, anche piccolo, è un grande regalo per me». Figlio di un dipendente delle Ferrovie e di una casalinga, Emanuele non ha grandi risorse economiche. È nato un comitato, Una corsa contro il tempo per Emanuele onlus, per raccogliere i fondi necessari allintervento. Si può donare anche presso bar, negozi, attività commerciali dove sono presenti dei contenitori.

di Francesco Piccolo La  Citta

Corsa contro il tempo per salvare la vita ad EmanueleScifo. I medici gli hanno dato un anno di vita a causa di una malattia rarissima e lunica soluzione sarebbe per lui sottoporsi ad unoperazione negli Usa. Lunico problema è che lintervento costa circa un milione di dollari (intorno ai 900mila euro) e non sarà possibile comunque eseguirlo se il ragazzo andrà sotto il peso dei 40 chili. A causa della malattia Emanuele continua a dimagrire e dai 98 chili che pesava quando gli è stata diagnosticata è sceso a 44 chili. In meno di tre mesi potrebbe andare sotto la soglia dei 40 chili che renderebbe impossibile lintervento. La raccolta fondi è già iniziata, coinvolgendo Battipaglia e molte città del Salernitano, in particolare nel Cilento. Ma i soldi raccolti sono ancora troppo pochi.

Emanuele ha 33 anni e per nutrirsi deve sottoporsi quotidianamente ad infusioni notturne di 12 ore. Infermiere di Battipaglia, lotta da otto anni contro la pseudo ostruzione intestinale cronica, aggravata da una gastroparesi che gli impedisce di assorbire la nutrizione, una patologia di solito congenita che gli è stata diagnosticata nel 2005 quando ha iniziato a perdere inspiegabilmente peso, passando dai 98 chili agli attuali 44.

«Dimagrivo pur mangiando – spiega Emanuele – Nel 2005 i medici del Suor Orsola di Bologna, che oggi mi seguono, mi hanno operato per un intervento esplorativo, per capire quale fosse il problema. Nel 2010 mi è stata tolta una parte di intestino, e a luglio del 2013 è stata eliminata una parte dello stomaco. Ma continuavo e continuo a dimagrire». L’unica soluzione è un trapianto multiviscerale: stomaco, intestino, duodeno, pancreas e milza. Attualmente è inserito in una lista d’attesa a Bologna ma i tempi sono lunghissimi perché la donazione degli organi continua a essere sottovalutata. È stato indirizzato al Jackson Memorial Hospital di Miami, dove i tempi sono molto più veloci e l’incidenza dell’intervento più alta. Ma la cifra richiesta è di un milione di dollari. L’unica alternativa, secondo i medici che lo seguono, è un altro anno di vita.

Per raccogliere i fondi si è rivolto, insieme alla fidanzata Maria, ad amici, associazioni, enti. Qualcuno ha risposto, in verità pochi, e i giorni scorrono senza che ci sia nemmeno avvicinati alla cifra necessaria. «Mi vergogno quasi, in questo momento di crisi, a chiedere un aiuto economico dice Emanuele ma è l’unica scelta per aiutarmi a vivere. Se non dovessi raggiungere la cifra o se non dovessi farcela farò devolvere tutto in beneficenza. Ma questa è la mia unica occasione. Qualsiasi aiuto, anche piccolo, è un grande regalo per me». Figlio di un dipendente delle Ferrovie e di una casalinga, Emanuele non ha grandi risorse economiche. È nato un comitato, Una corsa contro il tempo per Emanuele onlus, per raccogliere i fondi necessari allintervento. Si può donare anche presso bar, negozi, attività commerciali dove sono presenti dei contenitori.

di Francesco Piccolo La  Citta

Corsa contro il tempo per salvare la vita ad EmanueleScifo. I medici gli hanno dato un anno di vita a causa di una malattia rarissima e lunica soluzione sarebbe per lui sottoporsi ad unoperazione negli Usa. Lunico problema è che lintervento costa circa un milione di dollari (intorno ai 900mila euro) e non sarà possibile comunque eseguirlo se il ragazzo andrà sotto il peso dei 40 chili. A causa della malattia Emanuele continua a dimagrire e dai 98 chili che pesava quando gli è stata diagnosticata è sceso a 44 chili. In meno di tre mesi potrebbe andare sotto la soglia dei 40 chili che renderebbe impossibile lintervento. La raccolta fondi è già iniziata, coinvolgendo Battipaglia e molte città del Salernitano, in particolare nel Cilento. Ma i soldi raccolti sono ancora troppo pochi.

Emanuele ha 33 anni e per nutrirsi deve sottoporsi quotidianamente ad infusioni notturne di 12 ore. Infermiere di Battipaglia, lotta da otto anni contro la pseudo ostruzione intestinale cronica, aggravata da una gastroparesi che gli impedisce di assorbire la nutrizione, una patologia di solito congenita che gli è stata diagnosticata nel 2005 quando ha iniziato a perdere inspiegabilmente peso, passando dai 98 chili agli attuali 44.

«Dimagrivo pur mangiando – spiega Emanuele – Nel 2005 i medici del Suor Orsola di Bologna, che oggi mi seguono, mi hanno operato per un intervento esplorativo, per capire quale fosse il problema. Nel 2010 mi è stata tolta una parte di intestino, e a luglio del 2013 è stata eliminata una parte dello stomaco. Ma continuavo e continuo a dimagrire». L’unica soluzione è un trapianto multiviscerale: stomaco, intestino, duodeno, pancreas e milza. Attualmente è inserito in una lista d’attesa a Bologna ma i tempi sono lunghissimi perché la donazione degli organi continua a essere sottovalutata. È stato indirizzato al Jackson Memorial Hospital di Miami, dove i tempi sono molto più veloci e l’incidenza dell’intervento più alta. Ma la cifra richiesta è di un milione di dollari. L’unica alternativa, secondo i medici che lo seguono, è un altro anno di vita.

Per raccogliere i fondi si è rivolto, insieme alla fidanzata Maria, ad amici, associazioni, enti. Qualcuno ha risposto, in verità pochi, e i giorni scorrono senza che ci sia nemmeno avvicinati alla cifra necessaria. «Mi vergogno quasi, in questo momento di crisi, a chiedere un aiuto economico dice Emanuele ma è l’unica scelta per aiutarmi a vivere. Se non dovessi raggiungere la cifra o se non dovessi farcela farò devolvere tutto in beneficenza. Ma questa è la mia unica occasione. Qualsiasi aiuto, anche piccolo, è un grande regalo per me». Figlio di un dipendente delle Ferrovie e di una casalinga, Emanuele non ha grandi risorse economiche. È nato un comitato, Una corsa contro il tempo per Emanuele onlus, per raccogliere i fondi necessari allintervento. Si può donare anche presso bar, negozi, attività commerciali dove sono presenti dei contenitori.

di Francesco Piccolo La  Citta

Corsa contro il tempo per salvare la vita ad EmanueleScifo. I medici gli hanno dato un anno di vita a causa di una malattia rarissima e lunica soluzione sarebbe per lui sottoporsi ad unoperazione negli Usa. Lunico problema è che lintervento costa circa un milione di dollari (intorno ai 900mila euro) e non sarà possibile comunque eseguirlo se il ragazzo andrà sotto il peso dei 40 chili. A causa della malattia Emanuele continua a dimagrire e dai 98 chili che pesava quando gli è stata diagnosticata è sceso a 44 chili. In meno di tre mesi potrebbe andare sotto la soglia dei 40 chili che renderebbe impossibile lintervento. La raccolta fondi è già iniziata, coinvolgendo Battipaglia e molte città del Salernitano, in particolare nel Cilento. Ma i soldi raccolti sono ancora troppo pochi.

Emanuele ha 33 anni e per nutrirsi deve sottoporsi quotidianamente ad infusioni notturne di 12 ore. Infermiere di Battipaglia, lotta da otto anni contro la pseudo ostruzione intestinale cronica, aggravata da una gastroparesi che gli impedisce di assorbire la nutrizione, una patologia di solito congenita che gli è stata diagnosticata nel 2005 quando ha iniziato a perdere inspiegabilmente peso, passando dai 98 chili agli attuali 44.

«Dimagrivo pur mangiando – spiega Emanuele – Nel 2005 i medici del Suor Orsola di Bologna, che oggi mi seguono, mi hanno operato per un intervento esplorativo, per capire quale fosse il problema. Nel 2010 mi è stata tolta una parte di intestino, e a luglio del 2013 è stata eliminata una parte dello stomaco. Ma continuavo e continuo a dimagrire». L’unica soluzione è un trapianto multiviscerale: stomaco, intestino, duodeno, pancreas e milza. Attualmente è inserito in una lista d’attesa a Bologna ma i tempi sono lunghissimi perché la donazione degli organi continua a essere sottovalutata. È stato indirizzato al Jackson Memorial Hospital di Miami, dove i tempi sono molto più veloci e l’incidenza dell’intervento più alta. Ma la cifra richiesta è di un milione di dollari. L’unica alternativa, secondo i medici che lo seguono, è un altro anno di vita.

Per raccogliere i fondi si è rivolto, insieme alla fidanzata Maria, ad amici, associazioni, enti. Qualcuno ha risposto, in verità pochi, e i giorni scorrono senza che ci sia nemmeno avvicinati alla cifra necessaria. «Mi vergogno quasi, in questo momento di crisi, a chiedere un aiuto economico dice Emanuele ma è l’unica scelta per aiutarmi a vivere. Se non dovessi raggiungere la cifra o se non dovessi farcela farò devolvere tutto in beneficenza. Ma questa è la mia unica occasione. Qualsiasi aiuto, anche piccolo, è un grande regalo per me». Figlio di un dipendente delle Ferrovie e di una casalinga, Emanuele non ha grandi risorse economiche. È nato un comitato, Una corsa contro il tempo per Emanuele onlus, per raccogliere i fondi necessari allintervento. Si può donare anche presso bar, negozi, attività commerciali dove sono presenti dei contenitori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.