Quotidiano di informazione campano

Covid, Confapi jr: no a fughe in avanti di De Luca RASSEGNA STAMPA OGGI LA GAZZETTA CAMPANA

Il presidente Di Santis: serve cabina regia su attività economiche

NAPOLI – «Si sente in giro dire che siamo in guerra con il Covid, ma non vorrei che quest’espressione abbia convinto qualcuno di essere l’uomo solo al comando dotato di pieni poteri».

A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«I provvedimenti che puntano alla tutela della sanità pubblica e alla salvaguardia della funzionalità ospedaliera sono assolutamente la priorità, in questo momento, ma ciò non significa che le attività economiche debbano vivere questi momenti di incertezza senza avere la giusta considerazione – sottolinea il leader dei giovani imprenditori napoletani –. Le ordinanze della Regione Campania, e a cascata quelle del governo centrale, rischiano di indebolire comparti già gravemente compromessi dall’ultimo lockdown e dalla crisi che non ha mai smesso di mordere, soprattutto in provincia di Napoli. Non possiamo permetterci passi falsi in questa direzione».

«Minacciare, come ha fatto il governatore della Campania Vincenzo De Luca, misure draconiane durante le dirette Facebook senza aver incontrato i rappresentanti di categoria, senza aver avuto modo di parlare con chi, come noi, quotidianamente combatte per esistere sul mercato e senza avere un quadro preciso della situazione, che è tutt’altro che florida, è una grave mancanza di rispetto per migliaia di imprenditori e di lavoratori – prosegue Di Santis –. Diamo atto al presidente De Luca di aver gestito una fase delicatissima negli ultimi mesi, ma questo non può risolversi in un lasciapassare totale».

«Come da noi suggerito anche nelle scorse settimane, è fondamentale che la Regione Campania attivi una cabina di regia aperta al mondo delle professioni e delle imprese per decidere assieme le misure di contenimento della pandemia più equilibrate e sicure sia per la sanità pubblica sia per il mantenimento delle attività economiche e commerciali – conclude Di Santis –. Un nuovo lockdown generalizzato sarebbe una bomba atomica sulla tenuta di migliaia di piccole realtà imprenditoriali che vivono con sgomento il rischio di veder distrutti anni e anni di sacrifici. Al presidente De Luca ribadiamo la nostra disponibilità all’avvio di un percorso condiviso e garantito nell’interesse di tutti».

No mascherina usa e getta Si riusabili Comunicato stampa Rifiuti Zero Campania

Il Movimento nazionale verso Rifiuti Zero, da decenni impegnato per la riduzione dei rifiuti e le buone pratiche di gestione dei materiali post consumo, lancia un appello a Presidi, Insegnanti e Genitori per questo inizio di anno scolastico dettato dall’emergenza Coronavirus che sta costringendo tutta la comunità civile ad un surplus di responsabilità.

Ed è giusto essere responsabili e rigorosi dinanzi al rischio per la salute e la vita di tutti.

Ma l’ambiente, anch’esso, reclama giustizia e non è ammissibile, dinanzi alle alternative scientificamente validate, inquinare oltre misura il nostro habitat e l’intero pianeta.

Ci rivolgiamo a quanti, con diligenza e responsabilità stanno osservando il distanziamento sociale, l’igiene personale e l’uso delle mascherine per ridurre il rischio di contagio.

Ancor più in un ambiente chiuso e confinato come quello scolastico in cui alunni, insegnanti, operatori e dirigenti sono a contatto per lungo tempo.

Qui l’uso delle mascherine, là dove gli spazi non lo consentono, diventa determinante fattore di protezione personale.

Il Governo, nella persona del Commissario Arcuri ha predisposto l’invio alle scuole di 11 milioni di mascherine chirurgiche usa e getta al giorno, con una azione d’imperio a dir poco scellerata, che non tiene conto delle indicazioni dello stesso CTS di Governo che consiglia l’usa e getta ma non lo obbliga, come pubblicato nel documento del 28 maggio: “gli alunni dovranno indossare… nei locali scolastici una mascherina chirurgica o di comunità di propria dotazione, fatte salve le dovute eccezioni…” (pag. 18-19) concetto ribadito nel successivo verbale del 31 agosto 2020 n.104 (pag. 4).

La stessa OMS (linee guida aggiornate al 21 agosto) sostiene: “I bambini che sono in buona salute possono indossare una mascherina di tessuto (non medical or fabric mask)“.

Invece le mascherine chirurgiche monouso, se va bene, andranno ad impattare con la raccolta differenziata dei Comuni accrescendo il sacco nero dell’indifferenziato, con costi maggiori  per le comunità per lo smaltimento in inceneritori.

Se va male, e di questo abbiamo riscontri quotidiani, verranno abbandonate in strada, sugli argini, nei ruscelli, che la pioggia trasporterà ai fiumi e da questi in mare, col littering di ritorno sulle spiagge, che contribuirà ad inquinare il già devastato ecosistema marino.

Da qui’ l’appello di ZeroWaste/RifiutiZero Italy affinché si sostituiscano le mascherine chirurgiche monouso con quelle che quotidianamente milioni di cittadini usano, quelle di stoffa riusabili e sanificabili che garantiscono uguale se non migliore protezione e possono essere riutilizzate numerose volte abbattendo costi, trasporti e inquinamento a go go.

L’appello che rivolgiamo è innanzitutto ai Genitori a rifiutare per i propri figli le mascherine che la scuola mette a disposizione, sostituendole, come previsto dallo stesso DPCM, con quelle personalizzate che a casa si provvede a lavare e sanificate quotidianamente.

Ai Presidi/Dirigenti scolastici e Insegnanti di favorire l’utilizzo delle mascherine riusabili , tenendo una piccola scorta delle chirurgiche a scuola per eventuali emergenze  o dimenticanze, e restituendo il surplus che potrebbero servire alle ASL, alle RSA, ai centri di accoglienza dove hanno un razionale d’uso, cosa che di fatto rallenterà la produzione a monte  e i rifiuti connessi a valle.

Ai Sindaci dei Comuni virtuosi e in particolare a quelli che hanno aderito a “Rifiuti Zero 2022” perché si prendano carico delle loro scuole incentivando questo percorso che si tradurrà , per le loro comunità, in un risparmio di costi di smaltimento e un territorio meno inquinato.

E infine sollecitiamo anche il Presidente della Regione, sulla stregua della valida protesta messa in campo a maggio scorso quanto rispedì indietro al Commissario di Governo le maschere di ”bugs bunny”, di fare uno sforzo straordinario per re inviare a casa degli studenti della Campania un numero minimo di mascherine in tessuto, riusabili, rafforzando così la campagna contro l’usa e getta oltre a ridurre la percentuale di rifiuto indifferenziato che premierebbe lo sforzo che in questi anni ha reso la Campania virtuosa per quota di R.D..

E’ stato calcolato che se solo un ragazzo per classe (5% della popolazione scolastica) disperdesse per strada, volontariamente o meno, la propria mascherina, ogni giorno verrebbero rilasciate in natura 1,4 tonnellate di plastica.

Viceversa gettando nell’indifferenziato ci saranno ogni giorno 44 tonnellate di rifiuti da bruciare in più.

A fine anno scolastico sarebbero 68 milioni di mascherine per un totale di 270 tonnellate di rifiuti plastici non biodegradabili e in un anno, 2 miliardi e 200 milioni di pezzi da acquistare, trasportare, distribuire, raccogliere, incenerire. Una quantità enorme di rifiuti e uno sforzo economico-organizzativo che potrebbe essere evitato o ridotto con le mascherine riusabili certificate, equivalenti a quelle monouso.

E là dove si vuole davvero andare alla radice del problema abolendo di fatto lo spreco non mancano eccellenze virtuose da riproporre anche in Campania, come  l’azienda Eta Beta di Bologna (nata anni fa per la sanificazione di pannolini lavabili) che ora fa anche lavaggio di DPI (mascherine chirurgiche e FFP2/3).

Insomma, l’alternativa all’usa e getta esiste e andrebbe incentivata.

E la lotta all’inquinamento da plastica e al monouso passa anche dalla scuola, la prima agenzia formativa del Paese.

Ma davvero si vuole ostacolare le buone pratiche in un momento in cui la natura, a modo suo,  ci chiede il conto della nostra protervia nei suoi confronti?

E su questi principi di ecologia/economia la Rete nazionale Rifiuti Zero il 30 e 31 p.v. lancerà iniziative contro l’usa e getta delle mascherine chirurgiche in tutte le Regioni.

Restiamo convinti che la scuola si faccia carico della tutela della Salute, ma inondarla di milioni di mascherine usa e getta al giorno è quanto di più scellerato, inquinante, malsano, diseducativo che si potesse proporre.

Il punto non è la tipologia della mascherina ma la salvaguardia della Salute e per questo appare semplicemente inconcepibile, come strategia per tutelare la Salute, nella fattispecie dal SarsCov2 che aggredisce i polmoni, sia un boom di produzione di migliaia di tonnellate di rifiuti indifferenziati da bruciare negli inceneritori o da disperdere nell’ambiente.

Gardaland prosegue la stagione 2020: inaugurata una nuova edizione di Gardaland Magic Halloween VIDEO WEB e FOTO

Venerdì 9 ottobre ha avuto dunque inizio una nuova edizione di questo appuntamento che proseguirà tutti i venerdì, sabato e domeniche del mese e nel weekend del 7 e 8 novembre.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.