Quotidiano di informazione campano

Viaggia per per 400 km un giovane straniero legato sotto un tir

Cronaca radio piazza news-Mezzo fermato dalla polizia stradale su A1 vicino a Frosinone

0

Agganciato con delle cinghie sotto un autoarticolato, ha percorso 400 Km sull’A1 ed è stato infine salvato dalla polizia stradale. E’ l’incredibile vicenda che ha visto per protagonista un ragazzo straniero, che è stato ritrovato stremato ieri pomeriggio dai soccorritori. L’allarme è scattato grazie a diverse telefonate giunte alla sala operativa della Polizia Stradale di Frosinone, che segnalavano la probabile presenza di una persona sotto un tir che stava percorrendo l’A1 in direzione nord. La pattuglia della Sottosezione Polstrada di Frosinone, nonostante l’intenso traffico legato al controesodo dei vacanzieri, è riuscita a fermare il camion al km 617, all’altezza di Ferentino. Durante le verifiche, sotto l’automezzo, agganciato con cinghie, è stato trovato il giovane straniero, che è stato subito liberato e accompagnato presso l’Ospedale di Frosinone e affidato alle cure dei sanitari. I poliziotti hanno proceduto all’ispezione del mezzo.

Anche a Terni giovane migrante viaggiava sotto tir, scoperto – Dopo la vicenda avvenuta a Frosinone, un altro ragazzo – afghano, di 18 anni – è stato scoperto, a Terni, dalla polizia mentre, nascosto sotto il rimorchio di un autoarticolato proveniente dalla Grecia e diretto a Civitavecchia, tentava di raggiungere la Francia. Il diciottenne, che è in buone condizioni di salute, ha cercato di fuggire, ma è stato bloccato dalla squadra volante e accompagnato in questura. Secondo quanto riferito, il ragazzo, di Kabul, è stato scoperto la notte scorsa in un’area di servizio lungo il raccordo Terni-Orte, quando l’autista del camion – ignaro della sua presenza – ha deciso di fare una sosta. Un passante si è accorto allora del diciottenne, sdraiato in prossimità del paraurti posteriore. In base a quanto si è appreso, il giovane afghano aveva intenzione di imbarcarsi per raggiungere la Francia via mare. L’ufficio Immigrazione provvederà ora ad accompagnarlo in un Centro di accoglienza per cittadini extracomunitari richiedenti asilo politico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.