Quotidiano di informazione campano

CURIOSITA: Tra Celti e Gabelle

0

Come ogni estate, il Festival “Celtica” torna ad allietare i discendenti dei Salassi e i numerosi forestieri che si sentono orfani di un mondo ancora senza Romani… Con una novità, quest’anno. Sull’onda delle privatizzazioni alla moda, anche i Celti o presunti tali hanno inaugurato le loro celebrazioni, contrariamente al solito, anziché da piazze e strade pubbliche aperte gratuitamente a tutti, da un locale privato in quel di Jovençan, con un “evento speciale” a pagamento (come specifica il dépliant). E’ noto che la Gabella, in tempi passati, era una tassa che non si poteva non pagare. Sapendo da chi e come (e ci piacerebbe sapere anche quanto) i Celti de nos-atre sono stati foraggiati in questi ultimi anni, ci si può chiedere: si tratta dell’ennesima applicazione della filosofia politico-culturale della “restitution”?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.