“Non mi dimetto – ha chiarito l’ex pm – Non perché sono legato alla poltrona, una poltrona che è pesante , con guai, problemi e tensioni. Le dimissioni sono un atto etico non richiesto da questa legalità formale che preme perché io mi dimetta” ha aggiunto. “Ho tradito i cittadini? Ho rubato, sono corrotto? No – ha proseguito De Magistris – io non ho girato la testa dall’altra parte quando, mentre facevo un’inchiesta, mi dicevano ‘lascia perdere ti diamo un posto al Dap, ti trasferiamo a Napoli'”.Il periodo di sospensione dalla funzione di sindaco, poi, secondo Luigi de Magistris, “sarà breve, è una certezza. Non lampo come la trasmissione del provvedimento, che è stata rapidissima, serale persino con l’uso della Digos per notificare l’atto al presidente del Consiglio comunale in pigiama. Sarà breve, durerà poco tempo. Sono fiducioso dei ricorsi che attueremo e del processo d’appello, perché è sostanzialmente prescritto”. Secondo le stime dell’ex pm, la sospensione durerà “al massimo tre/quattro mesi”.
“Ho la certezza – ha sottolineato – che altri giudici possano rimediare immediatamente a questo provvedimento rapidissimo del signor prefetto e del signor ministro dell’Interno”.