Quotidiano di informazione campano

Diagnosi predittiva e terapie personalizzate: il futuro delle cure oncologiche con la radiogenomica e le BioBanche

L’IRCCS SDN presenta NAPLAB un laboratorio integrato all’avanguardia dove fisici, ingegneri, informatici e radiologi lavorano insieme per il futuro della medicina personalizzata

0

Diagnosi predittiva anticipata e definizione di un percorso terapeutico personalizzato. È il futuro delle cure oncologiche che si apre grazie all’utilizzo della radiogenomica. Un lavoro avanguardistico che sta portando avanti a Napoli il NAPLAB, l’ultima ‘creatura’ dell’IRCCS SDN di Napoli, l’unico Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico in Italia di natura diagnostica.

Un logo vulcanico a forma di Vesuvio ne racconta la creatività e ne rivendica la napoletanità, che è per altro ben impressa nel nome, e

l’acronimo Neuro Anatomy and image Processing LABoratory ne chiarisce il campo d’azione. Ma la vera peculiarità di NAPLAB consiste nella vocazione all’avanguardia tecnologica dei macchinari e delle azioni di ricerca e soprattutto nell’integrazione sistemica dei saperi al servizio dello sviluppo della ricerca e della diagnostica. Al suo interno NAPLAB riunisce, infatti, tutte le competenze tecnologiche relative al settore dell’imaging diagnostico al servizio delle esigenze clinico-scientifiche: fisici, ingegneri, biotecnologi, informatici, psicologi che lavorano accanto ai radiologi per raggiungere

quanto prima il futuro approdo della medicina personalizzata, quella che sceglie la terapia migliore in base alle necessità ed ai geni del singolo paziente.

“L’evoluzione tecnologica della strumentazione di diagnostica per immagini e di laboratorio – spiega il direttore scientifico dell’IRCCS SDN, Marco Salvatore – sta rivoluzionando la capacità di ricavare informazioni utili al paziente per garantire un iter diagnostico personalizzato”. Tradizionalmente le immagini radiologiche erano interpretate dagli specialisti tramite una valutazione visiva che si rifletteva in un referto prevalentemente descrittivo. Oggi, come evidenzia Salvatore, “le immagini diagnostiche provenienti da modalità avanzate come la risonanza ad alto campo, la TAC a doppio tubo e metodiche ibride come la PET-risonanza, contengono molte più informazioni utili alla diagnosi rispetto a quelle rilevabili solo visivamente e grazie al supporto dei calcolatori di nuova generazione e di metodi avanzati di analisi dei dati si riesce a derivare dall’informazione complessa contenuta negli esami di diagnostica per immagini, biomarcatori numerici utili ad una diagnosi più precisa e più precoce e ad un percorso terapeutico specifico per il singolo paziente”.

Un’attività che apre uno scenario rivoluzionario, in cui diventa possibile leggere un referto radiologico come un referto di laboratorio e in cui è i risultati sono quantitativi e possono essere valutati risultati rispetto a dei valori normativi.

Dalla radiomica alla radiogenomica: il lavoro all’avanguardia di NAPLAB grazie ad una BioBanca

In particolare, come spiega il fisico Marco Aiello, coordinatore di NAPLAB, “lo studio e l’applicazione di metodi di calcolo numerico a immagini diagnostiche rientrano in una nuova scienza, la radiomica, che si pone l’obiettivo di stabilire un quadro completo delle caratteristiche  significative di stati patologici o di risposta alla terapia”. Ed è proprio questo uno dei settori d’azione di NAPLAB che lavora in particolare in uno dei campi di applicazione principali della radiomica: quello oncologico, nel quale, come evidenzia Aiello “le immagini relative a lesioni tumorali vengono elaborate secondo procedure radiomiche consentendo un confronto numerico e statistico dei risultati con altre caratteristiche individuali come le informazioni genomiche”. Ed qui che, guardando al futuro della medicina personalizzata, la radiomica diventa radiogenomica.

“Per avere una visione completa del fenomeno oncologico – chiarisce Aiello – è fondamentale avere a disposizione un’informazione complementare ed per questo che nel lavoro di NAPLAB le immagini diagnostiche sono affiancate dalla collezione di campioni biologici custoditi in una biobanca certificata secondo i criteri BBMR, l’Infrastruttura di Ricerca Europea delle Biobanche e delle Risorse BioMolecolari”.  

NAPLAB in questo campo sta già lavorando a studi radiogenomici sulle patologie oncologiche di alto impatto, come il tumore alla mammella, con un approccio innovativo che consentirà di ottenere risultati fondamentali per il futuro della medicina personalizzata.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.