Quotidiano di informazione campano

Dichiarazioni precompilate da giugno 2015Di Beatrice Migliorini

0

Semplificazioni fiscali, si parte dalle dichiarazioni dei redditi precompilate. Per dipendenti e pensionati,  a partire da giugno 2015, il 730 sarà preconfezionato. Gli adempimenti fiscali saranno ridotti al minimo. A carico dei contribuenti, infatti, resterà solo lonere di dover integrare eventuali variazioni rispetto allanno precedente. I dettagli sulle modalità di trasmissione delle informazioni e sullesatto iter che alla base del primo atto del pacchetto di decreti attuativi della delega fiscale, sarà reso noto, però, solo la settimana prossima.  Ieri, infatti, in una conferenza stampa durante una pausa del Consiglio dei ministri, il premier Matteo Renzi ha annunciato che nel corso della settimana entrante, il viceministro delleconomiam delle finanze, Luigi Casero, trasmetterà la bozza di decreto alle Commissioni finanze di Camera e Senato (si veda ItaliaOggi del 5 e 13 giugno 2014) in modo da poter avere un testo definitivo da portare al vaglio del prossimo Consiglio dei ministri calendarizzato per venerdì 20 giugno. Una volta ottenuto il via libera dal Cdm, il decreto passerà nuovamente nelle mani delle VI Commissioni che, a loro volta, avranno 30 giorni di tempo per esprimere  il loro parere sul testo. Tra i principali nodi da sciogliere nel corso delliter del decreto in Commissione, quale sarà il ruolo attribuito ai Centri di assistenza fiscale. Nei giorni scorsi, infatti, Casero aveva annunciato di voler affidare ai Caf un ruolo decisivo, soprattutto alla luce del fatto che loperatività completa dei modelli precompilati richiederà comunque un lungo periodo di transizione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.