Quotidiano di informazione campano

Dobbiamo trovare risorse in più per le pensioni E quanto ha detto Renzi

Camusso: "Pronti a continuare la vertenza" Per risorse ci sarebbero fino a 1,5 miliardi. in 'pole' ricongiunzioni gratuite e quattordicesime

0

Ci sono ancora un sacco di cose da fare, come le pensioni, è un tema sul quale bisogna lavorare perché in passato si è intervenuto con l’accetta, c’è uno scalino tropo grosso e le pensioni minime sono troppo basse. Quindi deve esser chiaro che dovremo trovare risorse in più per le pensioni”. Così Matteo Renzi nel comizio alla festa del Pd in provincia di Modena.

Camusso, pronti a continuare la vertenza  – “Pensionati, pensionandi, giovani, con queste anticipazioni, mancano le risposte e la vertenza deve continuare”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, commenta in un tweet il tetto alle risorse da destinare ai nuovi interventi (stanziamento che non supererebbe 1,5 miliardi di euro).

Pensioni, per risorse fino a 1,5 miliardi – Il ‘pacchetto’ pensioni, in arrivo con la legge di Bilancio, potrà contare al massimo su una dote di un miliardo e mezzo. E’ questa, secondo quanto si apprende da fonti di maggioranza e di governo, la cifra ‘limite’ sulla quale si stanno esercitando i tecnici per trovare il giusto mix tra le varie misure. Di sicuro arriverà l’Ape, l’anticipo dell’assegno per la flessibilità in uscita. Si ragiona sulle altre misure: in ‘pole’ ci sarebbero le ricongiunzioni, da rendere gratuite e l’aumento delle quattordicesime per gli assegni bassi.

Nell’ultimo incontro governo-sindacati il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti aveva assicurato che le risorse che il governo era impegnato a reperire sarebbero state “rilevanti”. Più cauto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini che aveva parlato di una dotazione “non trascurabile” ma che inevitabilmente sarà definita solo alla luce del quadro macroeconomico, che dovrebbe essere rivisto al ribasso a settembre rispetto alle stime di aprile. Tra le misure che troveranno finanziamento ci sarà comunque certamente l’Ape che, viene spiegato, non è un ‘prestito’ ma un vero e proprio anticipo dell’assegno. Il meccanismo infatti riguarda esclusivamente il pensionato senza effetti sugli eredi, come accade invece con i normali finanziamenti. Obiettivo dell’esecutivo è quello di costruire un’operazione “semplice” sotto la regia dell’Inps. Il lavoratore che voglia anticipare l’uscita, infatti, dovrà interfacciarsi solo con l’ente di previdenza – come già accade nel normale percorso per la pensione – che a sua volta terrà anche i rapporti con gli istituti di credito che si renderanno disponibili a supportare l’iniziativa. L’Ape avrà comunque un impatto contenuto sui conti pubblici (si è parlato di circa 600 milioni) perché lo Stato interverrà solo a sostegno di alcune categorie che scelgano la pensione anticipata, come i disoccupati di lunga durata o i lavoratori con redditi particolarmente bassi. Ma l’anticipo è solo una delle voci del pacchetto pensioni: sul tavolo, posizionata in alto nella lista delle priorità, c’è anche la ricongiunzione da rendere gratuita dei contributi versati a diverse gestioni. Se si troveranno le risorse, verranno infatti meno i vincoli che ci sono oggi per mettere in fila tutti gli anni di anzianità (e relativi contributi) senza dover pagare penali. E ciò varrà anche per raggiungere i requisiti per accedere all’Ape. L’altra misura che si sta cercando di includere, cara anche al premier Matteo Renzi, è il rafforzamento della quattordicesima per gli assegni bassi. Anche qui diverse ipotesi, ancora oggetto di simulazioni: si va dall’aumento dell’assegno all’ampliamento della platea, portando a 12-13 mila euro l’anno il tetto del reddito per poter ricevere l’assegno aggiuntivo. In alternativa si sta valutando anche se alzare invece la no tax area, già salita quest’anno da 7.500 euro a 7.750 per gli ‘under 75’ e da 7.750 a 8.000 per chi ha più di 75 anni. Una misura, quella assunta con l’ultima legge di Stabilità, per la quale erano stati stanziati per il 2016 146 milioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.