Quotidiano di informazione campano

DOMENICO SAVIO: “A SAN MONTANO ELIMINARE L’ODIOSO CANCELLO E RIPRISTINARE IL SENTIERO PUBBLICO DI FORIO CHE PORTA SULLA SPIAGGIA”

0

Ennesimo sopralluogo di Domenico Savio nella Baia di San Montano accompagnato da tanti cittadini che gli hanno anche mostrato un breve sentiero che dal piazzale porta  direttamente sulla spiaggia libera di Forio e che da qualche anno è stato misteriosamente chiuso ed occultato. Presente anche lassessore di Forio alle spiagge Vito Manzi. Savio è determinato nelle sue richieste al Sindaco Del Deo che però, anche su questo argomento, purtroppo, sino a questo momento ha dimostrato di non volersi politicamente e amministrativamente distinguere dalla passata amministrazione Regine.

di Gennaro Savio

Continua incessante la battaglia politica e di civiltà sociale del Consigliere comunale di Forio Domenico Savio contro lodioso cancello collocato negli anni scorsi lungo la stradina demaniale che porta alla spiaggia di San Montano a Lacco Ameno e dove lunica parte di arenile pubblico rimasta, appartiene al Comune d Forio. Un cancello che si trova tra due grossi pilastri e che dà limpressione di costituire laccesso ad un villa privata più che ad una spiaggia: assurdo! Un cancello che negli anni ha rappresentato motivo di protesta da parte dei cittadini residenti e turisti perché di sera veniva addirittura chiuso. E questo sino a quando Domenico Savio, nel luglio scorso, non si è recato sul posto facendo intervenire i Vigili Urbani di Forio. Da allora, infatti, come ha potuto verificare di persona anche lo stesso Savio, il cancello di sera resta aperto per la soddisfazione dei bagnanti residenti e turisti che nelle ore serali amano recarsi in quella che di sicuro rappresenta una delle Baie più belle al mondo. Ma chi conosce bene lesponente del PCIML certamente sa che la battaglia è appena iniziata e che si concluderà  solo quando quellodioso cancello sarà rimosso dal suolo demaniale anche perché è inaccettabile e inammissibile che laccesso alla spiaggia libera sia ostruito o limitato da un cancello realizzato e gestito da privati.   A conferma di ciò, Domenico Savio in questi giorni è ritornato più volte a San Montano e nellultima occasione era presente anche Vito Manzi, Assessore alle spiagge del Comune di Forio, che ha voluto constatare la situazione di persona. La novità importante è che nel mentre eravamo intenti a filmare il cancello della discordia, alcuni cittadini ci hanno indicato un piccolo sentiero che dal piazzale di proprietà del Comune di Forio porta dritto, dritto sulla spiaggia. O meglio portava, visto che negli anni è stato misteriosamente chiuso e laccesso è ostruito dalla presenza di una rete metallica di colore verde. A questo punto ci chiediamo: chi ha chiuso in entrata e in uscita laccesso al sentiero? E perché? A chi dava fastidio questo comodo accesso allarenile? Quando sarà finalmente ripristinato il suo percorso visto che si tratta di una piccolissima ma comodissima stradina per accedere alla spiaggia? Domande, queste, che rivolgiamo direttamente agli organi competenti affinché indaghino per capire come e perché sia stato occultato questo sentiero pubblico e al Sindaco di Forio Francesco Del Deo affinché lo faccia immediatamente ripristinare come chiede con forza lo stesso Domenico Savio. Chiediamo che il sentiero che dal piazzale porta sulla spiaggia e che oramai è recintato, – ha dichiarato Domenico Savio – venga pulito e liberato dalle erbacce e venga utilizzato come accesso secondario alla spiaggia libera di Forio nella Baia di San Montano così come chiediamo ancora una volta con forza che i pilastri e il cancello posti su suolo demaniale che immette su di un viale per metà di competenza del Comune di Lacco Ameno e per metà del Comune di Forio, vengano rimossi al più presto possibile. Queste sono le richieste ha concluso Savio – che il gruppo consiliare del Partito Comunista Italiano Marxista-leninista ripete con forza al Sindaco Francesco Del Deo e alla sua Amministrazione. Unultima curiosità. Nel mentre facevamo un giro sulla spiaggia, alcuni bagnanti ci hanno fatto notare uno scarico sullarenile pubblico di Forio di acqua termale calda che genera anche le proteste dei bagnanti in quanto avrebbe creato un consistente strato di alghe a mare. Uno scarico attivo nonostante lautorizzazione sia scaduta da anni. Cosa aggiungere. Si tratta di una storia tutta allitaliana, come tante. Uno dei paradossi che solo nel nostro paese può verificarsi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.